Sardegna, sbarcano 118 islamici in 2 giorni: allarme Covid di origine africana

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

15 – 27 – 59 – 17 non sono i numeri di una quaterna alla ruota di Cagliari, ma il numero di migranti , per lo più algerini e tunisini, che tra mercoledì 23 e giovedi 25 dicembre sarebbero approdati sulle coste del Sulcis, secondo le informazioni dei mass media , a bordo di impossibili barchini piuttosto che ospiti di più comodi e sicuri navigli d’altura e scaricati a poche miglia dalle coste della Sardegna per poter giungere in tutta sicurezza, come é facile intuire dalle immagini diffuse dalla varie reti televisive naionali e locali. Raccolti nelle spiagge e lungo le strade dalle forze dell’ordine, vengono portati al Centro di accoglienza di Monastir, senza sapere che fine ,poi, hanno fatto o faranno.

Covid, arriva variante Nigeria: supercontagiosa, allarme barconi

Adesso è scoppiata anche la vicenda della seconda variante inglese a Covid – 19, che sarebbe di origine africana, che getta ulteriori preoccupazioni nell’ambiente sanitario nazionale e regionale e tra le nostre popolazioni. La domanda pressante che si pone è : quali sono i provvedimenti che i vari ministri competenti degli Esteri, dell’Interno, della Marina, dei Trasporti, della Sanità, oltre che il Primo Ministro Conte, hanno adottato o intendono adottare per bloccare in maniera definitiva questo tragico percorso che dalle coste africane portano i migranti in Sardegna ? Senza dimenticare, poi, che a Teulada c’è una base Nato che coinvolge l’intera Europa, che niente fa per proteggere la Sardegna e i Sardi da questa invasione che dura ormai da troppo tempo e che crea gravi problemi anche di ordine e sicurezza pubblica. In Sardegna è notorio che ci debba essere anche un ” Rappresentante del Governo nella Regione Sarda” : c’è sempre ? se si, cosa ha fatto e cose intende fare in ordine a questo problema ?Senza nasconderci che sul problema, lo stesso Presidente della Regione e tutte le forze politiche, di maggioranza in Sardegna e quelle che sono nel Governo Nazionale dovrebbero porre la questione con forza in tutte le sedi, perchè questi traffici dei barchini finiscano una buona volta per sempre.

Marcello Roberto Marchi




Lascia un commento