‘Decreto Boldrini’ abolisce i confini italiani: basterà dichiararsi gay

Condividi!

Meloni, in un passaggio del suo discorso in Aula, sottolinea riguardo al ‘decreto invasione’ del governo: «Poi arriva la collega Boldrini e ci aggiunge degli elementi di grande serietà. Concentrati nel suo «emendamento che dice: che “chi si dichiara omosessuale, non potrà essere rimpatriato”. E vede presidente Fico, io delle domande me le faccio. Intanto vorrei chiedere alla collega Boldrini, punto primo: come si fa a verificare se qualcuno sia o no omosessuale? Perché non fate un emendamento in cui scrivete direttamente: i confini italiani sono aboliti. Chiunque voglia venire in Italia lo può fare, senza nasconderci dietro cose che non c’entrano niente. Presidente Fico, non lo vedo solo io che da domani avremo flotte di barconi battenti bandiera arcobaleno. Non ci vuole un genio»…

Governo vieta rimpatri dei clandestini che si fingono gay: loro stuprano le bambine italiane

«E non è questa una discriminazione. Li avete letti anche voi gli articoli dei pochi, veri, omosessuali immigrati – sottolinea Giorgia Meloni in un altro passaggio – che vanno nei circoli degli Arcigay e vengono derisi e insultati dai finti omosessuali immigrati. E non è una discriminazione verso le donne, il fatto che domani un immigrato congolese uomo che si dichiara omosessuale non potrà essere rimpatriato, ma una donna congolese invece sì? E voi sareste quelli che difendono i diritti delle donne? Vergogna».




7 pensieri su “‘Decreto Boldrini’ abolisce i confini italiani: basterà dichiararsi gay”

    1. Tu capisci che e’ una assurdita equiparare il mio voto a quello di un leghista?

      E’ come realizzare una comunita, in cui convivono il 20% di umani con 80% di scimmie
      e poi le decisioni vengono prese a maggioranza, eqiparando il voto di una scimmia a quello di un umano.

      E’ ovvio che saranno sempre le scimmie a determinare quello che accade nella comunita, solo perche sono la maggioranza.

      Ebbene, questa e’ la situazione in Italia, anzi nel mondo.

  1. Quindi la melona si preoccupa dei diritti delle donne congolesi? Non ho parole. Ma chi le scrive i discorsi?
    Sono certa che si impegna qualche piccolo sgarro fatto dai suoi compagni agli italiani lo individua.

    1. Stessa cosa dell’insistere sulla gestione del covid: evidenziare la continua mancanza di rispetto del il principio di non contraddizione. Predicare al coro non serve molto, quello che serve ora è che il maggior numero possibile di elettori si renda conto di come i temi sbandierati dagli immigrazionisti sono puramente strumentali. Capire che sono pure sbagliati in se stessi è un passo successivo. Ovviamente questo ragionamento è rivolto a chi non ha ancora aperto gli occhi, non certo a chi ci è già arrivato da tempo e si spazientisce a sentirne ancora discutere.

  2. “…E non è una discriminazione verso le donne, il fatto che domani un immigrato congolese uomo che si dichiara omosessuale non potrà essere rimpatriato, ma una donna congolese invece sì?…”: Giorgia, ma l’hai capito o no che questi vogliono soprattutto africani di sessi maschile? Affamati di passera bianca? Particolarmente richiesti da pu***ne e da fr**i?  

    Siamo governati da pervertiti morali eccitati dalla possibile estinzione della razza bianca.

Lascia un commento