Leader africano: “L’Italia deve chiudere le frontiere: non c’è più lavoro” – VIDEO

Condividi!

L’immigrazione moderna dall’Africa somiglia molto alle flotte negriere che dall’Africa portavano gli schiavi negri nelle Americhe.

A portarli sulle spiagge, dietro compenso, erano i governanti locali. Oggi è la mafia nigeriana. La differenza è che la prima rotta negriera usava la violenza, questa usa invece un’arma ben più efficace: l’illusione.

In quest’altro video, Mohamed Konare, leader del movimento Panafricanista, spiegava perché l’Italia deve chiudere le frontiere:

“Vogliono fare entrare gli africani in Europa sapendo che non avranno futuro. Anche noi che siamo qui da 20 anni siamo disoccupati. L’Italia deve tenere chiuse le frontiere. Chi in Africa può spendere 10.000 euro per venire in Italia, perché lascia l’Africa se ha tutti quei soldi?”.

E’ una domanda che ci siamo posti spesso. La risposta è: mafia nigeriana. Ma solo in parte. Il resto, la maggioranza, sono i figli cadetti della classe medio alta, che vengono a cercare fortuna, ma che già potrebbero vivere bene nei loro Paesi. Creando ricchezza, invece di darla ai trafficanti.




Vox

10 pensieri su “Leader africano: “L’Italia deve chiudere le frontiere: non c’è più lavoro” – VIDEO”

      1. No Werner…. non è proprio così. Certamente loro vogliono le donne bianche, ma se sanno di non potersi mantenere NON vengono… vengono appunto perché hanno capito che VERRANNO mantenuti senza lavorare, per questo bisogna tagliare il problema alla radice, ovvero i miliardi che spendiamo per mantenerli, basta non spenderli più. Ovviamente con la situazione politica italiana è utopia.

  1. Che vengono se lo augurano le racchie che sono in giro, con la speranza di trovare l’amore.
    Il più delle volte trovano il musle che ha bisogno della cittadinanza, poi per liberarsene queste le riempie di botte o si fottono i soldi ed eventuali figli.
    Da non disprezzare il comportamento dei musle con le donne, talvolta hanno ragione loro.

  2. E’ vero, ma non sempre sono racchie o attempate. Certo, è difficile trovare vere e proprie bellezze al seguito di questa fauna, ma se ne vedono tante di ragazze di un livello estetico del tutto nella norma che si accompagnano loro. I motivi sono diversi, dal lavaggio del cervello che hanno subito, alla ‘moda’, alle dicerie sui neri dal pene grosso o dalla puzza e fare animalesca durante il sesso, ma più spesso io credo incida la profonda insoddisfazione, che è generale, nei rapporti di coppia.
    Solo che l’uomo insoddisfatto, se non ha denaro, finisce per diventare celibe involontario (ed a volte se il denaro lo ha finisce per essere turlupinato e derubato), la donna ha più possibilità di scelta, ed una è l’immigrato di turno. Di sicuro dopo decenni di bombardamento mediatico culturale che è suo ‘diritto’ e forse dovere, di ‘divertirsi’, ed avere una sessualità ‘piena’, non vi rinuncia al godimento, e vede nell’astinenza sessuale un orrore che la umilia (e, ci dicono giornalisti ben interessati che farebbe pure male alla salute, hai capito).

    1. Probabilmente le stesse che fanno le femministe con i maschi locali. Poi ci si chiede perchè qualcuno si rassegna alle troie con tutto quel che ne consegue. Tutto secondo il piano ovviamente, maledetto kalergi.

    2. Ottima analisi di Marte Ulltore, che rispecchia in pieno la realtà.

      I mass media indottrinano le nostre donne all’imputtanimento, ma le dirette interessate non se ne rendono affatto conto, e credono di essere “libbere”. Il fatto che le inducano ad essere anche razzialmente promiscue, specialmente coi ne(g)ri, è una conseguenza, una sorta di step secondario di un piano elaborato probabilmente alla fine dell’ultima guerra da un’élite moralmente deviata che ha preso il potere, il cui obiettivo è la cancellazione della razza bianca dalla faccia della terra.

      Se le donne occidentali si sono fatte corrompere in questa maniera, vuol dire che a livello intellettivo sono poco sviluppate rispetto a noi uomini.

  3. Ne conoscevo una di Milano…Una gran bella donna bionda quarantenne,l’età in cui la donna è come la foresta,lussuriosa tecnicamente a posto.Quella che ti fa uscire dal letto al mattino strisciando come un verme…Peccato che si definiva sui social”Amo il nero”…..Lo amava tanto che è morta di AIDS qualche giorno fa.

Lascia un commento