Prefetto ha riempito la coop vicina al PD di immigrati: condannato a 20 giorni

Condividi!

Si tratta di questa COOP vicina al PD:

Profughi violentano donne delle pulizie: a processo ci va anche la COOP

Il profugo stupratore ospite di una COOP ‘chiusa’ da Salvini e ‘riaperta’ dal PD

Profugo nigeriano segrega ragazza in stanzino centro accoglienza: la stupra per 10 giorni

Ora che il Pd è tornato al governo, la quarta volta in sei anni senza legittimazione elettorale, è bene ricordare cosa i prefetti erano costretti a fare, durante i loro governi precedenti. E cosa, probabilmente, sono tornati a fare ora che la pacchia è tornata. Con la mangiatoia e i loschi affari delle coop e di tutto il baraccone umanitario.

VERIFICA LA NOTIZIA
«È vero che ne abbiamo fatte di porcherie, però quando le potevamo fare», questa la frase intercettata dell’ex prefetto di Padova Patrizia Impresa, che spiega come funzionavano le cose al tempo dei governi PD: porcherie, tutte porcherie.

La donna era stata intercettata nell’ambito dell’inchiesta sullo scambio di favori tra la prefettura ed Ecofficina (oggi Edeco), la coop molto vicina agli ambienti della sinistra che vinceva tutti i bandi per l’accoglienza in Veneto.

Interrogata, ha poi chiarito il senso generale delle sue parole spiegando che quando si è in emergenza a volte si fanno delle forzature: a quei tempi, eravamo in pieno governo Renzi, il governo inviava centinaia di sedicenti profughi a settimana e a trovarsi la patata bollente in mano erano sempre i prefetti. Che dovevano fare ‘porcherie’.

L’AP-Associazione Prefettizi, rappresentanza della casta più casta del Paese, era intervenuta: «Tutti i prefetti del territorio e i rispettivi collaboratori si sono trovati a doversi produrre in autentici salti mortali per dare esecuzione alle pressanti richieste di dare subito e comunque una sistemazione a grossi contingenti di migranti da parte degli uffici del Viminale che a loro volta sono sottoposti ad analoghe insistenze».

«I prefetti hanno dovuto sopperire a gravi criticità e inadeguatezze del Sistema Protezione Richiedenti Asilo immaginato per far fronte a qualche migliaio di persone e non a centinaia di migliaia. Amareggia quindi il poter essere messi alla gogna per alcune parole estrapolate dal contesto e dette in una conversazione colloquiale che non celavano alcuna malefatta bensì esprimevano un autentico grido di dolore. Accogliere o meno i migranti era e rimane una scelta esclusiva della politica, non dei prefetti. Ai quali andrebbe piuttosto appuntata una medaglia sul petto per essersi dimostrati pronti e affidabili al di là di ogni legittima aspettativa».

Avete impestato l’Italia di clandestini, seguendo in modo pervicace gli ordini di un governo abusivo. Facendo quelle che la vostra esimia collega ha definito ‘porcherie’. Vi siete dimostrati affidabili sì, ma per gli obiettivi della mafia nigeriana: ovviamente, in modo inconsapevole.

Fosse per noi, tutti i prefetti che hanno collaborato a questo scempio verrebbero licenziati. Si tratta comunque di una casta inutile e antidemocratica. Una, invece, quella più impegnata nell’imporre la presenza dei clandestini, l’hanno fatta addirittura ministro dell’Interno. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: record di sbarchi e italiani che vorrebbero linciarla in pubblica piazza.

La casta dei Prefetti: ci costano 100 milioni di euro, e che pensioni

Ora, invece, il Pd ha ricominciato. A riempire l’Italia di clandestini. A fare porcherie.




Un pensiero su “Prefetto ha riempito la coop vicina al PD di immigrati: condannato a 20 giorni”

  1. …”sullo scambio di favori tra la prefettura ed Ecofficina (oggi Edeco), la coop molto vicina agli ambienti della sinistra che vinceva tutti i bandi per l’accoglienza in Veneto….”
    E i favori quali erano? 1-mazzette per il Pd 2-Guadagno per la coop.Ed ai migranti impestati?Un po di crocchette e due euro al giorno di diaria.

Lascia un commento