Trump chiama alla rivolta contro i brogli: “RIBELLATEVI”

Condividi!

Donald Trump ha lanciato un appello ai suoi sostenitori e ai repubblicani nei parlamenti statali per “ribaltare” i risultati ufficiosi delle presidenziali, tornando a insistere sui brogli alle urne. Brogli che, del resto, emergono in modo sempre più evidente:

USA2020, CORTE BLOCCA CERTIFICAZIONE RISULTATO ELEZIONI PRESIDENZIALI

Quasi il cento per cento di chi ha votato Trump è convinto che le elezioni siano state rubate.




Vox

6 pensieri su “Trump chiama alla rivolta contro i brogli: “RIBELLATEVI””

  1. a me sta storia di Trump, mi sembra sempre piu,
    una messa in scena per idioti, come quelle della lega.
    Staremo a vedere come va a finire

    E’ certo che non si chiude la stalla quando i buoi sono scappati
    ed anche un deficente leghista avrebbe potuto prevedere che ci sarebbero stati pesanti brogli
    quindi bisognava organizzarsi prima, per le contromisure.

    Come mai l’uomo piu potente al mondo, sig. Donald Trump, non ha preso contromisure prima delle elezioni?

    Addirittura e’ stato permesso che il conteggio dei voti venisse fatto all’estero e forse neanche quel pescivendolo di Salvini sarebbe arrivato a tanto.

    1. Aggiungo a quel che hai scritto che, certo, una nuova presidenza del palazzinaro newyorkese sarebbe sempre meno peggio di quel che può comportare (per i lavoratori americani e per il mondo) l’arrivo alla Casa Bianca del pedofilo Biden e della koshervampiraglia che lo muove e utilizza come un burattino con l’Alzheimer… ma (ed è un “ma” pesantissimo) lo stesso Trump è in completa balia delle forze all’uncino (si vedano gli infami regali fatti a Giuda proprio prima delle elezioni e il suo proprio entourage, anch’esso al 99% ashkenazita). Si tratta di due fazioni dei medesimi succhiasangue.

  2. Il popolo una volta appreso dei brogli elettorali avrebbe dovuto insorgere di getto, senza aspettare la richiesta del presidente uscente. I motti spontanei popolari sono finiti e come avevo anticipato porterà Biden dove i kippah lo vogliono.

Lascia un commento