Cenone: 5 milioni di italiani non hanno cibo ma 90mila immigrati vivono in hotel

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
La decisione più saggia a Natale sarebbe quella di non fare né pranzi né cene in famiglia per contenere la diffusione del coronavirus. Lo ha detto il capo tecnico dell’Oms,a Maria Van Kerkhove, durante il consueto briefing sul Covid-19. “La difficile decisione di non riunirsi in famiglia per le feste è la scommessa più sicura”, ha sottolineato la dottoressa.

MA PER MILIONI IL PROBLEMA NON E’ IL CENONE: il Rapporto Censis-Tendercapital, “5 milioni di italiani hanno difficoltà a mettere in tavola un pasto decente”. Il 60% inoltre ritiene che la perdita del lavoro, o del reddito, sia un evento possibile che lo può riguardare nel prossimo anno.

Intanto, questo Paese, il fottuto governo di questo Paese, si permette di ospitare a spese nostre in hotel quasi 90mila clandestini. In hotel e navi di lusso. Pensione completa.

E BUTTANO IL CIBO:

IMMIGRATI POSITIVI SFASCIANO TUTTO: BUTTANO CIBO – VIDEO

IMMIGRATI IN RIVOLTA RIFIUTANO CIBO A LAMPEDUSA E SULLE NAVI: “FA SCHIFO” – VIDEO

Al 31 ottobre ospitavamo 80.645 clandestini in hotel, resort e appartamenti e qualche migliaio nelle ormai 5 navi di lusso usate per la ‘quarantena’. Leggete:

E’ intollerabile. Quasi centomila immigrati che mangiano a sbafo da anni mentre i nostri non hanno cibo per Natale. Dobbiamo andarli a prendere.




2 pensieri su “Cenone: 5 milioni di italiani non hanno cibo ma 90mila immigrati vivono in hotel”

Lascia un commento