Branco di trans massacra ragazzino: “Ci ha detto che non siamo donne” – VIDEO

Condividi!

Una banda di trans ha massacrato un ragazzino fuori da una stazione della metropolitana a Londra.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tamsin Lush, 29 anni, Tylah Jo Bryan e Amarnih Lewis-Daniel, entrambi 24 anni, hanno aggredito il 19enne accusato di aver detto loro che avevano bisogno dei genitali femminili per essere donne.

La vittima sarebbe araba. E avrebbe rivolto ai trans anche insulti ‘razzisti’.




Vox

14 pensieri su “Branco di trans massacra ragazzino: “Ci ha detto che non siamo donne” – VIDEO”

  1. Nooooooo non ci posso credereeeeeee sembra che i nostri acerrimi nemici stiano combattendo tra di loro, froci lesbiche trans ecc ecc… contro islamici, sono super sincero… non so proprio per chi tifare, perché entrambi sono il nostro nemico, ed entrambi ci odiano. Però se cominciano a farsi la guerra tra di loro per noi è solo un bene! Ne trarremo beneficio! Però credo che froci lesbiche trans ecc ecc… non riuscirebbero a spuntarla contro gli islamici, e farebbero una fine bruttissima. Hanno picchiato un ragazzo islamico che gli aveva semplicemente detto in faccia la verità inconfutabile! CHE NON PUÒI ESSERE DONNA SE NON HAI LA VAGINA! E loro lo hanno brutalmente aggredito solo per questo motivo. Ora noi altri non dovremmo far altro che aspettare con lo champagne e patatine in mano l’imminente rappresaglia islamica contro la comunità lgbt! Perché sappiamo bene che gli islamici si vendicano sempre.

  2. Bene bene..io mi siedo sul divano, pop corn a go go e mi vedo questo film.
    Gia pregusto quello che succedera in italia appena appena gli islamici tireranno fuori la testolina contro cinesi e boss nostrani.

    Ps: se devo scegliere da che parte stare preferisco qualche checca in piu piuttosto che scassaminchia muslim

  3. In questa vicenda non sto dalla parte di nessuno. Certamente l’arabo ha ragione a dire che non sono donne, perché é la verità. Sono malati mentali di sesso maschile che si credono donne.

    Di una cosa sono sicuro: l’arabo va rispedito nel deserto coi cammelli, i trans vanno condotti e rinchiusi in una clinica di igiene mentale. Ma purtroppo l’Occidente é infettato dal liberalprogressismo, e perciò una cosa del genere (che sarebbe giusta) posso solo auspicarla.

  4. i beduini ci libereranno da questo cancro che è costituito da froci finocchi transessuali e lesbiche di merda, che tra l’altro sapendo di essere minoranza pretendono l invasione di ste bestie cammelliere proprio per creare confusione alla società, e sentirsi meno soli! ma non si accorgono che piano piano diventeranno vittime proprio dei loro acclamati cammellieri!
    ….spazzato via il cancro facilmente ci toglieremo dai coglioni i beduini, sono color merda e si riconoscono facilmente!

  5. Una goduria, fra gli islamici di questi faranno tabula rasa .
    In Siria già li bruciavano, gli tagliavano la gola.
    I buonisti progressisti comunisti come li abbiamo in parlamento non mi risulta che si siano mai inginocchiati per questi, anzi in segno di sottomissione di mettevano il preservativo in testa e addirittura coprivano le statue.
    Ben venga l’inizio fra loro l’inizio della guerra.

  6. Vi dico io come é andata, il leccacammelli li ha visti passare vestiti da zoccole e ha fatto qualche commento, quelli si sono girati e lui si é reso conto dell’errore, si é incazzato e li ha insultati…Purtroppo x lui si trattava di energumeni di 1,90 col 48 di piede che lo hanna pestato come una merda.🤣🤣🤣🤣🤣

    1. Però in effetti é strano se la sia presa così tanto da rivolgergli “insulti omofobi”, perché gli arabi quando si tratta di persone di razza bianca non fanno distinzione tra maschio e femmina. Ne conosco tanti di casi di maghrebini sposati e con figli che hanno sfondato le chiappe di bianchi sodomiti.

  7. come cambiano le cose. Un tempo si sarebbe inorriditi per una rissa ‘etnica’, ma se ci sono motivi ‘elevati’ allora è accettabile. Un po’ come pretendere di estradare un cittadino egiziano regolarmente processato dal proprio stato di appartenenza, commettendo, quindi, una palese ingerenza di sovranità. Ve l’ho sempre detto, questi luridi malfattori pensano di cambiare il mondo, ma stanno solo girando la prospettiva, si tornerà alla guerra tra popoli, non per motivi sacrosanti come l’interesse nazionale, ma per i ‘diritti umani’ o dei gay, o altre minchiate.

Lascia un commento