Pronto Soccorso lombardi: governo agito tardi, ora lockdown o collasso

Condividi!

“L’unica cosa che si può fare è chiude-
re tutto, un lockdown a livello nazio-
nale”. Così il responsabile del Coordi-
namento Covid-19 per i reparti dei
Pronto soccorso lombardi, Bertolini.

“La situazione -aggiunge- è drammatica
non solo in Lombardia, ma ovunque a li-
vello nazionale. Se vogliamo fermare l’
epidemia è il momento di chiudere tut-
to, non c’è altra strada. Se si fosse
fatto qualcosa prima, quando si doveva
fare,si sarebbero potute prendere misu-
re più soft, ma ora non si può più e le
misure del governo sono troppo blande”.

Sarebbe stato sufficiente non riaprire le scuole e le frontiere.




Vox

3 pensieri su “Pronto Soccorso lombardi: governo agito tardi, ora lockdown o collasso”

  1. Sinceramente mi fanno più schifo questi medici pigri e insolenti, che pretendono il lockdown solo perché già stanchi di stubare i morti, dei pur vomitevole negri che approfittano del caos per rubare scarpe di marca. Avanti cosi’, la guerra degli ospedali e’ ancora lunga, cadranno come birilli e con loro non Conte, non Mattarella, ma lo STATO!!!

    1. Tranquillo, ormai grazie a quegli sciagurati che sono andati in piazza si sono cagati addosso, si sente la puzza da lontano, e non faranno nessun confinamento generale, al massimo chiuderanno le pubbliche amministrazioni che possono chiudere, le scuole in primis, così avremo anche una generazione z ancora più idiota di quanto già stesse crescendo, e comunque non salverà milioni di persone dal contagiarsi prima che arrivi maggio.
      Ma a questo punto sono io che spero in una sollevazione delle persone stanche di vedere la sofferenza e in un bello scontro con la marmaglia che finora sta dettando legge con la violenza. Ormai solo un governo di salvezza nazionale con tutti i partiti potrebbe ridurre, ma non annullare, le proteste che verrebbero, e penso che se non potrà farlo Conte, arrivati a centomila contagi al giorno, dove ormai si contano solo i malati che sono costretti a recarsi all’ospedale, figuriamoci gli altri quanti ce ne sarebbero, inizieremmo davvero a vederne delle belle. E non da parte di ultras e spacciatori come finora.

Lascia un commento