Scuole hanno moltiplicato contagio per 9 ma Conte chiude tutto il resto

Condividi!

Giuseppe Conte tira dritto per la sua strada e conferma la chiusura anticipata per bar e ristoranti alle 18. Il nuovo Dpcm è slittato alla giornata di domenica a causa delle richieste delle Regioni e delle divisioni esistenti anche all’interno del governo. La riunione tra il premier e i capi delegazione della maggioranza è andata avanti per ore per risolvere il braccio di ferro sulle nuove restrizioni necessarie a riportare sotto controllo la situazione epidemiologica dell’Italia. Stando alle fonti dell’Adnkronos, la “forte raccomandazione” a limitare gli spostamenti non necessari rimarrà all’interno del Dpcm: non scatterà quindi il divieto di muoversi tra le Regioni, come era stato ipotizzato nella serata di sabato 24 ottobre.

VERIFICA LA NOTIZIA

Niente da fare invece per le attività di ristorazione, con i governatori che avevano chiesto di posticipare la chiusura dalle 18 alle 23 e di non chiudere la domenica: anche il Cts si era detto favorevole alla proposta delle Regioni, temendo che la serrata anticipata favorisca le cene in casa, finendo per creare solo un danno economico a imprenditori e lavoratori. L’Adnkronos racconta che il governo ha litigato e discusso su tutto e non sono quindi esclusi strascichi per la decisione di Conte di confermare la chiusura alle 18, nonostante la contrarietà delle Regioni e i dubbi della maggioranza.

Eppure nessun focolaio è legato a queste attività, tantomeno a palestre e piscine. Invece sono stati illustrati nella riunione i dati relativi alle due settimane successive all’apertura delle scuole nel corso delle quali i contagi sono aumentati di nove volte e senza sostanziali differenziazioni di fasce di età.

Quindi, siccome con la riapertura delle scuole il contagio si è moltiplicato per nove, allora chiudiamo locali, piscine, palestre e altre attività che non hanno alcuna o comunque non rilevante incidenza. Follia allo stato puro.

Accadrà che rovineranno famiglie, distruggeranno vite, e non fermeranno il contagio. Delinquenti.




Vox

4 pensieri su “Scuole hanno moltiplicato contagio per 9 ma Conte chiude tutto il resto”

  1. Non posso che darvi ragioni sia sule premesse che sulle conclusioni. Il governo distrugge l’economia ma non aggredisce il contagio, che ormai a differenza di aprile è diffuso in tutto il paese. Questo non vi fa pensare che lo scopo del governo, o almeno di chi il governo lo manovra, sia proprio la distruzione dell’economia per implementare dopo un reset razziale?

    1. Chiaro che l’obbiettivo sia questo anche se il virus in questione é ridotti a influenza, solo che l’origine di tutto sono gli scarafaggi d’importazione, via loro e i kompagni e l’italia rinasce!É come un’albero aggredito dai parassiti!

  2. La letalità sui positivi (chiamata IFR) è globalmente stimata essere in media 0.26%, cioè su 10.000 positivi muoiono 26 persone.

    Nelle persone con età inferiore ai 70 anni, la letalità media sui positivi (IFR) è stimata essere 0,05%, cioè su 10.000 positivi muoiono 5 persone.

    Nelle persone al di sotto dei 40 anni, la letalità media sui positivi è stimata essere 0,0003%, cioè su 100.000 positivi muoiono 3 persone.

  3. ma che cazzo dite ? le scuole ? chi i bambini ? i ragazzi ? SIETE TUTTI DA CAMICIA DI FORZA! ITALIANI PECORONI SENZA CERVELLO CREDONO NEL VIRUS CHE GLI HA DETTO IL LORO DITTATORE! Meritate tutti di crepare mascherati e soprattutto SOLI.

Lascia un commento