Massacrato dai Rom: “Non ci importa niente di un italiano in meno”

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

“Non mi importa niente di un italiano in meno”: sono state queste le parole del 13enne rom che con un pugno, sabato 17 ottobre a Lanciano, ha mandato in coma un ragazzo di 18 anni, Giuseppe Pio DʼAstolfo. L’adolescente adesso è indagato per lesioni gravi. Ascoltato dai carabinieri, si sarebbe difeso così: “Mi sono sentito minacciato e ho reagito”. D’Astolfo è rimasto vittima di un’aggressione da parte di cinque giovani di origine rom, ma secondo le ricostruzioni, sarebbe stato proprio il tredicenne, il più piccolo del gruppo, a tirargli un pugno secco alla tempia, che gli ha provocato un’emorragia tale da mandarlo in coma. Intanto, come riporta il Messaggero, sono sotto la lente degli inquirenti tutte le chat del baby-rom. Subito dopo la rissa, l’indagato scrive a un suo amico: “Se io non tiravo quel pugno loro potevano benissimo ammazzarmi. E quindi sai come si dice: Morte tua vita mia” e l’altro gli risponde: “Ma tutto si può risolvere a parole e non alle maniere forti, non sono nessuno ma il karma gira. Sinceramente se muori a noi non ce ne frega un ca***, almeno un assassino in meno”. Ed è a questo punto che il 13enne replica: “Ok, allora a sto punto anche a me non importa niente di un italiano in meno”. Intanto le condizioni della vittima in ospedale restano preoccupanti.

E non solo a lui, ai media e ai politici non importa niente:




Vox

4 pensieri su “Massacrato dai Rom: “Non ci importa niente di un italiano in meno””

  1. Fa male a non importarsene, ma non per ragioni ‘ummanidarie’ come vorrebbero i delinquenti che in quella piccola merdina vedono solo un bambino puccioso da coccolare, mentre sarebbe da prendere a cinghiate, e dopo ciò che ha fatto, da impiccare per tentato omicidio e lesioni gravissime (il giovane colpito non tornerà più come prima dopo una simile lesione cerebrale temo). Le ragioni che dovrebbero spingere questo giovane ‘signore’ come tutta la sua etnia (e qui abbiamo la patente evidenza che pur con la cittadinanza non si considera ‘italiano’ alla faccia che gli immigrati bramano la cittadinanza per completare la loro formazione, altra cazzata, la vogliono solo per sfregiarla e per qualche vantaggio materiale), e gli africani stessi, è che senza i bianchi, essi regredirebbero dopo nemmeno una generazione, ma diciamo già dopo un mese di baldoria assoluta su ciò che resta delle ricchezze accumulate dai bianchi in secoli, allo stato di natura.
    Fine della festa, e poi si divertirebbero ad ammazzarsi tra loro, senza paturnie umanitaristiche per un’arancia su un albero.

  2. Gli zingari sono brave persone, siamo noi che non li capiamo, che non accettiamo il loro stile di vita, vero lady boldrini?
    Ovviamente è gente che andrebbe messa nei riformatori….che il signore compia il miracolo della guarigione di Giuseppe e che questa gente cambi vita e venga punita per tutto quello che fa. 😠😠😠😠😠

Lascia un commento