Verso lockdown, non è andato tutto bene: il fallimento di Conte

Condividi!

Sardegna e Umbria. La prima starebbe per chiudere per due settimane porti e aeroporti, limitando al minimo anche la circolazione sull’isola: di fatto, un lockdown. L’ordinanza è attesa nel weekend, al massimo tra 48 ore: uno stop di 15 giorni per tutte le principali attività.

Dunque, l’Umbria, dove si registra un balzo-record di nuovi contagi: sono 407 in un solo giorno, i dati sono stati comunicati in conferenza stampa dal governatore , Donatella Tesei. Si pensi solo che da inizio pandemia, in totale i positivi in Umbria sono 5.860. E ancora, ieri – mercoledì 21 ottobre – in Umbria i nuovi contagi erano stati 350: l’incremento percentuale è significativo.

“Ho di nuovo in mano l’autocertificazione…”. Già, torna il modulo da compilare per uscire di casa laddove vige il coprifuoco. “La vedete? L’avevo strappata ma è tornata, è l’autocertificazione. Non è andato tutto bene”, conclude con vis polemica la Merlino.




Vox

6 pensieri su “Verso lockdown, non è andato tutto bene: il fallimento di Conte”

  1. E preparatevi alla “polpetta avvelenata”: stiamo per iniziare a sovvenzionare i negri per fare figli a casa nostra. Dite di no? Sintonizzatevi questa sera su “le iene” e godetevi la predica di Piero Angela, giusto fra le nazioni.

      1. La cosa grave è che nessuno oserà alzare la mano e garantire la sovvenzione solo agli Italiani. Anzi. Qualcuno di nostra conoscenza si batterà molto per favorire l’approvazione mentre quell’altra dirà il suo solito “prima gli Italiani” senza nemmeno fare una manifestazione piccola piccola. Per il primo sono arcisicuro e disposto a scommettere dei soldi. Per la seconda ho una minima speranza perché sarebbe una buona occasione politica per lei. Ah, un’ultima considerazione sul dinamico duo: non hanno nessuna intenzione di fare cadere questo governo.

        1. Si servono dei mussulmani come ariete, e non sono un problema a parte, anzi un tutt’uno.
          Ma si arriverà a un punto di saturazione,potrebbe essere doloroso per noi come per loro.
          Ma più razze non possono convivere nello stesso territorio.
          Già che gli stessi africani si scannano fra diverse etnie e tribù diverse. Figuriamoci convivendo con gli europei, cui quest’ultimo all’inizio daranno pure il deretano.
          Solo che ancora non lo hanno visto veramente incazzato l’uomo bianco.

Lascia un commento