Richiedente asilo sgozza un tedesco a Dresda: fuggiva dalla guerra in Siria

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Due morti, due sgozzamenti, uno a Dresda, l’altro a Conflans-Sainte-Honorine. La preoccupazione del governo tedesco cresce, dopo la decapitazione di un professore francese, di fronte alla “minaccia terroristica islamista”.

Anche se i fatti sono avvenuti oltre mille chilometri di distanza, in Germania e in Francia. E già, i media tedeschi associano questi due crimini. Impossibile non farlo.

Abdullah , un richiedente asilo siriano di 20 anni, è stato arrestato martedì. L’uomo, dicono, si è radicalizzato dal suo arrivo in Germania, nel 2015, al culmine dell’afflusso di immigrati dalla Siria: i figli di Mama Merkel. Diversi media tedeschi lo descrivono come un sostenitore dell’organizzazione jihadista Stato Islamico.

È stato rilasciato il 29 settembre dal carcere dove scontava una pena per terrorismo e due attacchi con il coltello, pochi giorni dopo l’attacco a Dresda, e rimaneva segnalato dalla polizia come potenzialmente “pericoloso”.

In Germania, il giovane non aveva lo status di rifugiato ufficiale ma è rimasto “tollerato” dalle autorità come altre centinaia di migliaia di clandestini.




Vox

Lascia un commento