50 ragazzini assediano auto carabinieri: calci, pugni e bastonate per la ‘movida’ – VIDEO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Calci, pugni, sassi e bastoni. Momenti di follia poco prima delle 19 di martedì 21 ottobre in piazza Attias, dove un numeroso gruppo di ragazzini ha accerchiato e poi aggredito carabinieri e polizia municipale intervenuti sul posto in seguito a segnalazioni di assembramenti.

Come testimonia un video postato sui social dal consigliere comunale della Lega, Alessandro Perini, carabinieri e polizia municipale sono stati presi di mira da almeno una cinquantina di giovanissimi, tra cui molti minorenni.

Nelle immagini si vedono tre macchine dei militari dell’Arma e un’auto della polizia locale circondate da diversi ragazzi, la maggior parte senza mascherina, davanti all’entrata della Coin. Dopo le offese, i primi spintoni, quindi l’aggressione.

Non solo calci e i pugni, ma anche bastonate e una sassaiola che ha colpito le auto delle forze dell’ordine.

“Eravamo andati in piazza Attias assieme ai carabinieri perché ci avevano segnalato persone che giocavano a pallone, con musica alta e assembramenti – commenta Annalisa Maritan, comandante della Municipale -. Quando siamo arrivati in poco tempo siamo stati accerchiati da un centinaio di ragazzini che hanno iniziato ad offenderci e ci hanno aggredito, danneggiando anche la nostra vettura. Un gesto che voglio condannare”. Secondo quanto ricostruito sul momento, almeno un paio di ragazzi sarebbero stati accompagnati dai carabinieri al comando di viale Fabbricotti.

Legge e ordine. E spiace che una parte della destra politica difenda la ‘movida’ in nome del business. Sta rendendo le nostre città invivibili.




Vox

4 pensieri su “50 ragazzini assediano auto carabinieri: calci, pugni e bastonate per la ‘movida’ – VIDEO”

  1. La destra politica difende la movida in nome del business, perché é liberale, liberista e libertaria. Non é conservatrice.

    Sull’episodio in questione c’é poco da aggiungere, se non il fatto che più avanti andiamo negli anni, più la gioventù é bruciata. Questi ragazzini di oggi sono maleducati, anarcoidi e irrispettosi, vanno presi a bastonate e rieducati. Ma da un altro tipo di Stato, non certo da quello attuale.

    E pensare che c’è la solita sinistra che vorrebbe abbassare il diritto di voto a 16 anni. Certo, facciamo votare masse di deficienti e immaturi, le cui uniche cose che chiedono sono movida h24, discoteche h24, droga libera, alcopl libero, e sesso a volontà.

  2. Condivisibile o no, l’uso della mascherina, è prima di tutto una questione di educazione e civiltà.
    Molti adolescenti di oggi sono arroganti a prescindere.
    Avessi fatto una cosa simile da adolescente non sarebbe stato piacevole poi provare addosso le mani da muratore bergamasco di mio padre.

Lascia un commento