Recovery Fund, Spagna rinuncia: “E’ un debito”

Condividi!

Il governo spagnolo rinuncerà ai 70 miliardi di euro di prestiti del Recovery Fund.

Lo scrive El Pais, citando fonti della Moncloa e del ministero dell’Economia. “La Commissione europea consente di richiedere i prestiti fino a luglio 2023. Cosa ci si guadagna richiedendoli adesso? Lo faremo, se ne avremo bisogno, per il periodo 2024-2026”, hanno spiegato le fonti governative.

Prenderanno però 70 miliardi in regalo. Perché la Spagna, a differenza dell’Italia, non è contributore netto, prende più miliardi di quelli che dà in tasse a Bruxelles. E questo da decenni.

Al che la domanda è: che ci stiamo a fare nella Ue? Paghiamo per essere membri di un club che ci impedisce di mandare a casa clandestini e zingari.




Vox

3 pensieri su “Recovery Fund, Spagna rinuncia: “E’ un debito””

  1. Ma noi dobbiamo mantenere negri e mussulmaniemmerda, dobbiamo avere le piste ciclabili x i kompagni ciclisti del cazzo li centrassero colonne di tir senza freni!Dobbiamo fare più ospedali x curare una finta pandemia visto che ti contano positivo ogni tampone che fai, dobbiamo pagare le navi da crociera a quei mangiamerda di tunisini e pakistani, dobbiamo spenderli in monopattini e fare corsi di autorazzismo…Dio vi fotta con tutte le famiglie la notte di Natale luridi bastardi!!!!

  2. Grazie a fondi europei la Spagna si ritrova infrastrutture che l’Italia (grande contribuente in UE si sogna).
    Valencia ha più linee della metro di Roma pur essendo grande 1/8 della capitale italiana.

Lascia un commento