Immigrati assolti da stupro perché vittima “mascolina”, ribaltata sentenza: condannati

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
La Corte di Appello di Perugia ha ribaltato, dopo l’annullamento con rinvio della Cassazione, la sentenza della Corte di Appello di Ancona che aveva assolto due immigrati accusati di aver violentato una ragazza a Senigallia:

“Sembra un maschio, non è stupro”: sentenza shock assolve immigrati

Il verdetto fece molto discutere perché, nelle motivazioni, le tre giudici facevano riferimento anche alla eccessiva “mascolinità” della ragazza per dare credito alla versione assolutoria dei due imputati e, al contrario, minare la credibilità della vittima. Nei confronti dei due imputati è stata così confermata la sentenza di primo grado che aveva condannato uno a 5 anni e l’altro a 3 anni di reclusione.

I fatti risalgono a marzo 2015. Nel 2016 erano stati condannati in primo grado, ma assolti in appello nel novembre 2017. La parte civile e la Procura generale di Ancona avevano fatto ricorso in Cassazione, accolto con rinvio alla Corte di Appello di Perugia che oggi li ha ritenuti colpevoli, confermando la condanna di primo grado.




Vox

2 pensieri su “Immigrati assolti da stupro perché vittima “mascolina”, ribaltata sentenza: condannati”

Lascia un commento