Il contagio avanza e Conte dorme: + 545 ricoverati, quasi 8mila per coronavirus

Condividi!

I nuovi positivi sono più del doppio di lunedì scorso, quando erano stati 4.619 (con 39 morti e 334 ricoveri). Il tasso di positività è schizzato ulteriormente verso l’alto: ieri era all’8 per cento, oggi quasi al 10 (è al 9,4 per l’esattezza).

Il governo, come a Gennaio, sta sbagliando tutto. Non chiuse ai cinesi come oggi non chiude agli immigrati di ritorno. E si concentra sulle piscine e le palestre, invece sul vero snodo del contagio: le scuole attraverso i trasporti.

Nuova forte crescita del trend dei contagi: 9.338 nuovi contagi (ieri più di 11mila) nonostante solo 98.862 tamponi (ieri quasi 160mila). Il trend è chiaro: supereremo i ventimila casi nel fine settimana.

I morti sono 73.

Il dato ormai costante: 47 terapie intensive in più (ieri +45, il totale sale a 797). La situazione inizia a sfuggire di mano: 545 ricoveri ospedalieri in più nel regime ordinario, ieri +514, siamo a 7.600

Non lasciatevi irretire dal numero ‘basso’ dei morti: fino a che il sistema sanitario regge, il coronavirus è poco più di una forte influenza. Ma essendo molto contagioso, quando il numero dei ricoverati satura gli ospedali, allora i morti aumentano improvvisamente. Come accaduto a Bergamo durante la prima ondata. La seconda non è circoscritta ma è diffusa su tutto il territorio.

In Campania, ad esempio, dei complessivi 113 posti letto di terapia intensiva, ne risultano occupati 85, mentre dei 925 posti letto di degenza, 884 sono utilizzati.Basta un nulla per andare oltre.

C’è un solo modo di evitare che il contagio sfugga di mano: intervenire sui trasporti, vero veicolo del contagio, dove noi e loro ci ‘mischiamo’. E ci intervieni solo chiudendo almeno alcune scuole.

Gestita in modo appropriato, questa pandemia non sarebbe un’emergenza. Lo diventa quando spalanchi i porti, diffondi i clandestini infetti su tutto il territorio e apri le scuole coi banchi a rotelle.

Tanto per essere chiari: qui non siamo dei fans del cosiddetto lockdown, che è una misura punitiva e inutile, ma diventa obbligata quando causa stupidità di un governo l’epidemia finisce fuori controllo.




Vox

14 pensieri su “Il contagio avanza e Conte dorme: + 545 ricoverati, quasi 8mila per coronavirus”

  1. I nuovi casi testati sono solo una percentuale dei tamponi totali, fino a pochi giorni fa tale percentuale oscillava intorno al 60%: ma ora, dato che il coronavirus “ha rialzato la testa” e che i nostri generali in camice bianco hanno finito i tamponi, i nuovi casi testati sono sempre di più percentualmente, mentre si fanno marcire in casa gli italiani in attesa di secondi tamponi sempre più rari: il 14 ottobre i nuovi casi testati erano il 58% dei tamponi totali, il giorno dopo il 60%, quindi il 61%, poi il 62%, ieri il 65% è finalmente oggi il 67%. Veniamo rapporto positivi su nuovi casi testati, che si attesta oggi al 14,20% (dal 14 ottobre abbiamo avuto in sequenza L’ 8,37% – 8,93% – 10,83% – 10,57% – 12,25% – 14,20%). Siamo in una situazione di iperpestaggio, per ora del governo, poi si vedrà perché Mattarella pure ha grosse responsabilità. Se è’ come dice Vox, ovvero che la curva dei morti salira’ lentissima fino ad esplodere nel momento in cui gli ospedali crollano, la smetto di scervellarmi per trovare una relazione tra contagiati di oggi e morti futuri: semplicemente, quando la pera sara’ matura, cadrà da sola. Andrà molto peggio di marzo aprile, di quanto non possiamo neanche immaginarlo, perché avere società non omogenee mi sa che complica parecchio le cose. Comunque, sfondata la linea avanzata del tracciamento ora tocca agli ospedali reggere l’urto. Demoliti quelli tocca alla società intera. Ci sarà da ridere, che botte ragazzi 🤣🤣

  2. E’ tutto falso, naturalmente, come al solito. E, tra l’altro, persino queste cifre completamente inaffidabili (si veda un’ennesima volta la totale inconsistenza, dal punto di vista scientifico, dei miserabili “tamponi”: https://groups.io/g/libertari/message/3089) parlano semmai, e in modo chiaro, dell’ASSENZA di qualsivoglia “pandemia”. Dove sarebbero i morti A CAUSA del fantacovid? Anche qui: FUORI LE CARTELLE CLINICHE.

  3. “quando il numero dei ricoverati satura gli ospedali, allora i morti aumentano improvvisamente. Come accaduto a Bergamo durante la prima ondata.” Già, grandissimi figli di puttana legaioli. Proprio “come accaduto” a Bergamo, nella regione “governata” da Bahamasfontana, dove le vostre “autorità mediche” ùla ùla assassine hanno continuato, d’accordo coi delinquenti del governo, ad ammazzare una caterva di poveri vecchi facendoli orrendamente intubare (mentre sarebbe bastata, per guarirli dall’evidente tromboembolia, qualche iniezione di eparina o di urochinasi), per consegnarne immediatamente i cadaveri al forno crematorio – senza dimenticarsi, da buoni vampiri shylockiani, d’inviare poi ai parenti, che manco avevano potuto rivedere i loro cari prima che se andassero, il conto della cremazione. Fate veramente vomitare. Un giorno pagherete tutto.

  4. si concorda col dottore falliisi! ma contaci e rucva de che?

    come quando vove perchè? tanto il motivetto è sempre il solito tv e stampa a reti unificate!

    pi il web coi loro siti di pornoterrorrismo! basta!

  5. Cari “discord80” e “Rohan”, i legaioli di Vox (del padrone) che, come ho sempre detto, sono in STRAmalafede se ne fregano che i loro lettori li abbiano sgamati alla grande. Devono andare sino in fondo alla foiba in cui stanno precipitando. Lì si ritroveranno, infilzati dal vaccino di Crisant(em)i, col loro degno Capitan Kippahfindus, il leccascroto di rabbi Netanyahu.

Lascia un commento