Verso coprifuoco a Milano per bar e ristoranti: troppi contagi

Condividi!

Pare che l’ordinanza varrà per tutta la Regione.

Nuovi orari in arrivo per bar e ristoranti lombardi per contrastare la diffusione del Covid-19. Sono queste, a quanto apprende l’AGI, alcune delle proposte avanzate nel corso del confronto di oggi tra la Regione Lombardia, la Prefettura di Milano e i sindaci delle città capoluogo lombarde. Proposte che sono ora al vaglio del Cts regionale. Per bar e pub viene proposto dalle 18 lo stop alle somministrazioni al banco; mentre le somministrazioni ai tavoli sono ammesse fino alle 21, quando scatterà la chiusura. Per i ristoranti, invece, l’ipotesi e’ di anticipare la chiusura alle 23. Il Cts sta esaminando le proposte ed entro domattina arriverà la nuova ordinanza regionale.

Sono 2.419 i nuovi positivi in Lombardia con 30.587 tamponi effettuati, per una percentuale che dal 6.3% di ieri sale al 7,9%. Più della metà dei nuovi casi sono a Milano, dove ci sono 1.319 nuovi contagi, di cui 604 a Milano città, mentre ieri erano 1.053. I nuovi decessi sono 7 per un totale complessivo di 17.044 morti in regione dall’inizio della pandemia. Sono in calo i posti occupati in terapia in terapia intensiva (-1, 71), mentre crescono i posti letto occupati negli altri reparti (+108, 834).




Vox

3 pensieri su “Verso coprifuoco a Milano per bar e ristoranti: troppi contagi”

  1. Avete fatto rispettare l’assurda regola del togli metti rinunciando alla massa di avventori che avevate per seguire le ‘regole’ del dpcm TOTALMENTE ILLEGALE. Oggi vi chiudono anticipatamente e domani per sempre. E voi ci state. VI STA BENE. Fallite tutti !

  2. Meglio falliti che positivi, non dico morti, ma qualcuno sicuramente ci rimetterebbe la pelle. E non solo anziani o soggetti con pluripatologie. Che poi non l’ho mai capita questa storia che siccome uno è immunodepresso o cosa merita di morire. I delinquenti globali gongolano pensando alle pensioni di anzianità, vecchiaia ed invalidità in meno da pagare. Complimenti.

Lascia un commento