Appello conferma ergastolo Oseghale, lui si scaglia contro mamma Pamela

Condividi!

Pamela, Assise: ergastolo a Oseghale
Confermata ad Ancona dalla Corte d’as-
sise d’appello la condanna all’ergasto-
lo, con isolamento diurno di 18 mesi,
per Innocent Oseghale, il 32enne spac-
ciatore di droga nigeriano, che uccise
la 18enne romana Pamela Mastropietro,
fatta a pezzi nel 2018 a Macerata.

Accuse: omicidio volontario aggravato
della violenza sessuale, vilipendio,di-
struzione e occultamento di cadavere.
Oseghale ha urlato in italiano (in aula
parlò inglese e usò un interprete):”Che
cosa,dimmi!”,rispondendo alla mamma di
Pamela che ha escalamato: “Grande!”.

Ricordiamo. Oseghale ha vissuto anni in hotel a spese dei contribuenti. Mentre spacciava. Poi è stato mantenuto dalla Caritas mentre ingravidava una minorata mentale.

Lui è stato la mano, altri i mandanti.




Vox

19 pensieri su “Appello conferma ergastolo Oseghale, lui si scaglia contro mamma Pamela”

  1. Negro assassino, spero ti sfondino tutti gli orifizi là dentro, che tu diventi la puttana negra di tutto il carcere e che lentamente ti facciano a pezzi!Ti devono masticare ma nemmeno i tuoi complici devono sfangarla e fosse stata figlia mia andavo in africa a scovare tutti i tuoi parenti e poi ti mandavo i selfie coi loro pezzi!

  2. Pare che finalmente getteranno via le chiavi per questo essere schifoso. Anche se a dire il vero rimane il terzo grado di giudizio per rimanere a galla. Ma il fatto che in appello é stata confermata la sentenza di condanna all’ ergastolo emessa in primo grado, é di per sé un fatto straordinario e importante. L’ergastolo – che la sinistra vorrebbe abolire – é una punizione sostanziosa, anche se per certi reati ci vorrebbe la pena di morte. Nel caso di Oseghale, é vero che con l’ergastolo non esce più, però é anche vero che lo dovremo mantenere fino a quando campa.

  3. Cannibale,porco,bastardo negro di merda fottuto figlio di cagna merdosa….Devi soffrire la dentro fino a che la tua vita di merda avrà fine.Devi vivere ogni tuo maledetto giorno in una continua sofferenza con colei che hai fatto a pezzi che ti perseguiti giorno e notte per renderti ogni giorno sempre più pazzo.Dovrai urlare la tua pazzia fino alla morte.

  4. provate a sollecitare un commento sulla vicenda
    alla maledetta-strega-rinnegata-boldrini-laura : io ho provato,
    e la risposta sua è stata : “SE ha sbagliato deve pagare”.
    mia replica : capitasse a TUA figlia cose faresti ?
    e quella mi ha sbattuto giù il telefono.
    se mi arriverà a tiro, le sputerò in testa.

  5. È anche vero che dal lurido spacciatore negro nel suo lercio ambiente la ragazza c’era amdata (o magari tornata?) di sua sponte a cercare droga, nessuno ce l’aveva trascinata: il che non mitiga certo la colpa del laido macellatore assassino ma non innalza la sua povera vittima all’altare del candore martirizzato.

  6. io non provo oido per queste bestie immonde, semlicemnete vengono da una razza diversa m che de ve stare nella giungla , io leggo i giornlia fricani e sento amici che lavorano in afrika, sono concordi nel dire che tutta sta messainscena nnon la vuole nessuno ma qualcuno la fomenta! i vari kapo’ fedeli scudieri della cricca satanista pedomassonica

  7. Nessuno vuole elevarla?
    Vero il contrario.
    Nei riguardi della figura della misera trucidata c’è stato, e continua ad esservi, un unico coro di omologati, con profusione di ipocrisia che nulla ha a che vedere con considerazioni obiettive.
    E, per quanto mi riguarda, con questa notazione do un taglio al bestiale argomento.

  8. Pamela è vero era una drogata, però avrebbe potuto avere una seconda possibilità. In quanto alla signora Boldrini, sarebbe meglio che chiedesse perdono per tutte quelle parole profuse verso l’immigrazione clandestina e sostituzione di massa.
    Non mi vengano a dire i sinistrati che liberalizzare la droga, si eviterebbero queste cose,.
    Sono esattamente uno dei tanti effetti collaterali che le droghe, portano.
    Chiedetelo ai familiari, ai drogati stessi, di quelli che si sono liberati e curati, se la droga ti dà rilassamento e fuga dalle preoccupazioni. Ci sono tante testimonianze di ex drogati che si sono liberati da questa schiavitù, ma rimane il” marchio di ex drogati ” e molte volte è faticoso essere accettati nella società.
    La stessa società, che per stupidità ed ipocrisia, esalta il pensiero che la droga legalizzata, sia un introito per le casse dello stato, quindi un bene, ma allo stesso tempo, schiava del pregiudizio, rifiuta di dare una possibilità a chi ha sbagliato.
    Lo dico per esperienza lavorativa, perché proprio i sinistrati sostengono che la droga legale sia “giusta economicamente parlando” , ma quando si tratta di aiutare ad integrare nell’ambiente lavorativo le persone, la storia cambia.
    Non posso generalizzare e non è facile avere tra i colleghi un ex tossicomane, ma se noi abilissimo il motto del vietato vietare, avremmo tanti problemi in meno.
    In ultima analisi, quanto costa disintossicare un drogato e rifondare i danni che ha causato o può causare?
    Cari piddini, educate i vostri figli al rispetto ed ai valori cristiani e prima di pensare al valore economico della droga, sappiate che la droga produce dei ventenni che sono degli ottantenni . 😡

  9. Il solito negro di merda che purtroppo tra qualche anno, neanche tanti, tra buona condotta e permessi vari uscirà dalla galera e riprenderà la sua routine di spacci e stupri. Per chi nn lo avesse capito siamo in Italia dove l ergastolo è solo una fantasia e non la galera a vita.

Lascia un commento