Italoamericani salvano statua di Colombo dagli iconoclasti

Condividi!

Roma, 15 ott. (askanews) – “Non appena abbiamo saputo della rimozione della statua di fronte all’Heritage Wall, abbiamo chiesto all’amminstrazione comunale il permesso di trasferire la statua al nostro club. L’idea è stata immediatamente approvata dai membri. Era importante per mio padre e io ho capito che fa parte della mia eredità. Un’eredità non si sceglie, l’eredità sceglie noi e nessuno può tirarsi indietro”. E’ così che Antonio Cappuccia, vicepresidente del St.Ann’s club di Norwalk racconta come il gruppo di italoamericani ha salvato la statua di Cristoforo Colombo in seguito alle proteste scoppiate in tutti gli Stati Uniti contro il colonialismo e il razzismo, si racconta su La Voce di New York.La statua era stata eretta dagli italoamericani di Norwalk, il 12 ottobre del 1940. “Non appena abbiamo avuto i documenti per il trasferimento permanente, abbiamo fatto costruire la base (dove si leggono i nomi delle tre navi di Colombo, la Nina, la Pinta e la Santa Maria) e con grande onore in occasione della festa di Colombo l’abbiamo inaugurata”, aggiunte Cappuccia.“Un sogno che diventa realtà per me. Sono stato a molte cerimonie su Colombo da quando ero bambino e da adulto ho continuato”, spiega a La Voce di New York che dedica alla notizia un’ampia pagina in occasione della settimana in cui cade il Columbus Day.Il presidente del club, Mike Gabriele, nel suo discorso ha incoraggiato anche altri italoamericani a seguire l’esempio del St.Ann: “Oggi è un grande giorno per ogni cittadino di Norwalk, ma in particolare per gli italoamericani. Lo spirito della nostra tradizione e di Cristoforo Colombo è vivo ed è in mezzo a noi. Grazie al lavoro e alla dedizione dei membri del St. Ann Club possiamo dare a questa magnifica statua una stabile dimora. Siamo così orgogliosi di poter erigere questo simbolo qui e anche i nostri fondatori e i membri che non ci sono più sentono questo orgoglio – ha proseguito il presidente – Incoraggio le organizzazioni di italoamericani a seguire il nostro esempio. Trasferire la nostra preziosa storia in posti sicuri e mantenere viva la nostra tradizione per sempre”.Il Saint Ann Club ha realizzato i lavori interamente grazie alle donazioni. Il club è stato fondato nel 1914 da un piccolo gruppo di immigrati di Jelsi in provincia di Campobasso.

La balcanizzazione degli Stati Uniti d’America. Non una nazione, ma un conglomerato di tribù.




Vox

Un pensiero su “Italoamericani salvano statua di Colombo dagli iconoclasti”

  1. gli iconoclasti di strunz-live-matters sono aizzati dai giornaloni e dai professoroni e dagli imam del fuffinton post, e da tutti i gionrali con il suffisso -POST finale….tutti infiltrati da Haaretz….as usual!

Lascia un commento