Invitano migranti ad indossare mascherina: poliziotti circondati e pestati a sangue

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Fermano due immigrati invitandoli a indossare le mascherine ma uno dei due li prende a calci e pugni poi scappa con ai polsi le manette. E’ successo a Savona, ieri sera, nei giardini delle Trincee.

I poliziotti sono riusciti a ammanettare l’immigrato che però si è divincolato e è riuscito a fuggire. Le manette, che inizialmente sembrava gli fossero rimaste applicate al polso, sono state trovate in terra, poco distante dal luogo del fatto.

Nel frattempo, in pochi istanti, i poliziotti si sono visti circondare da altre sei-sette ‘persone’, in atteggiamento aggressivo.

Uno dei due poliziotti è stato costretto a esplodere due colpi di pistola in aria per indurre il gruppo ad allontanarsi, ma il gruppo lo ha fatto solo dopo l’arrivo di un’altra volante.

L’immigrato scappato, un trentatreenne di origine ecuadoriane, è stato arrestato stamani. Denunciato un suo connazionale e una ragazza ‘italiana’ di 20 anni per violenza, minaccia e oltraggio a pubblico ufficiale. Gli agenti aggrediti hanno prognosi di 15 e 10 giorni.

Sappiamo, vero, che tipo di ‘italiana’ è la ragazza? Di quelle che a 18 anni diventano ‘italiane’ perché nate qui.




2 pensieri su “Invitano migranti ad indossare mascherina: poliziotti circondati e pestati a sangue”

Lascia un commento