Covid, verso mini-lockdown in alcuni quartieri di Genova

Condividi!

È possibile che nelle prossime ore “e comunque dopo l’emanazione del dpcm della Presidenza del Consiglio dei ministri” in alcune zone della Città Metropolitana di di Genova vengano applicate ulteriori restrizioni”. Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti in una diretta Facebook dopo aver specificato che “dei 320 casi presenti nel bollettino di oggi,103 positivi non sono ascrivibili a quelli monitorati ieri ma sono il risultato di tamponi effettuati nei giorni scorsi”. Nelle quattro zone (centro storico di Genova, Sampierdarena, Cornigliano e Rivarolo) “che – ha detto Toti – sono oggetto di attenzione da alcuni giorni” potrebbero essere applicate “ulteriori misure restrittive. Ho parlato con il sindaco Bucci: aspetteremo di vedere domani la bozza del dpcm ma in questi quartieri è possibile che Città di Genova e Regione Liguria decidano ulteriori misure restrittive concesse dal dpcm. Ovviamente lo faremo con elementari norme di buonsenso: non vorremmo, per difenderli dal Covid, farli uccidere da una situazione economica difficile”.

Allontanatevi dalle città densamente abitate, se potete.

Situazione che sta replicando quella della vicina Francia. Dove sono stati 16.101 i casi di positività al Coronavirus da ieri in Francia, una cifra lontana dai quasi 27.000 di ieri ma comunque molto alta per una domenica, giornata tradizionalmente di afflusso più lento dei dati e quindi con cifre nettamente più basse. I decessi sono stati 46, per un totale di 32.730 dal 1 marzo scorso.

Intanto, il premier britannico, Boris Johnson, presenterà domani alla Camera dei Comuni la nuova strategia per fare fronte alla seconda ondata della pandemia di Covid-19 in Gran Bretagna. Secondo le anticipazioni diffuse dai media britannici, l’Inghilterra sarà suddivisa in tre diversi livelli di lockdown dalla prossima settimana, con milioni di persone che dovranno affrontare restrizioni più severe. Pub, ristoranti e strutture per il tempo libero saranno chiusi in alcune parti del Nord. Secondo le anticipazioni, le persone che vivono nelle aree a livello più rigoroso – il tre – riceveranno l’ordine di non avere alcun contatto sociale con nessuno al di fuori della propria famiglia in nessun contesto.




Vox

2 pensieri su “Covid, verso mini-lockdown in alcuni quartieri di Genova”

  1. Al di là delle incomprensibili giustificazioni addotte da Toti, nemico della vera destra ben più di Conte e Casalino messi insieme, oggi in Liguria il rapporto tra positivi su nuovi casi testati viaggiava su un iperbolico 23,44%!! So che le nude cifre possono annoiare ma i numeri le percentuali ed i tassi di crescita sono essenziali per comprendere i fenomeni anche umani e politici. La Liguria sta’ peggio della Campania, molto peggio, e se non fanno un lock down duro e spietato da loro significa che questa storia dei lock down locali e’ una mistificazione. Lock down locali non se ne possono fare, o tutti a casa o tutti in giro!!! In questo ci hanno preso in giro, i politici ci ingannano.

Lascia un commento