Il PD vuole chiudere il Parlamento e ‘lavorare’ da casa: pigro working

Condividi!

“A fine mattinata ho presentato un progetto di emendamento al Regolamento della Camera, ispirato a quello vigente alla Camera dei deputati spagnola, per disciplinare in modo rigoroso ma ormai indifferibile la partecipazione a distanza dei deputati ai lavori della Camera, in ragione di particolari circostanze che impediscano lo svolgimento della funzione parlamentare in presenza. Un modello che si basa su motivate richieste personali e sulla decisione dell’Ufficio di Presidenza”. Lo spiega Stefano Ceccanti, capogruppo Pd in commissione Affari costituzionali della Camera.

“Ho inviato la proposta a tutti i colleghi di tutti i gruppi. Registro già con piacere le prime otto adesioni, ampiamente pluraliste, quelle dei colleghi Siani e Pezzopane del Pd, Dori, Siragusa, Termini e Vizzini del M5S, Magi del Misto-Più Europa e Pettarin di Forza Italia. Darò tempestiva comunicazione di altre eventuali adesioni, tutte graditissime”.




Vox

Un pensiero su “Il PD vuole chiudere il Parlamento e ‘lavorare’ da casa: pigro working”

Lascia un commento