Esercito islamico verso la frontiera al grido “Italia, Italia” – VIDEO

Condividi!

La canzone araba ‘Italia Lharaga Hawli Malik’ fa da colonna sonora alla marcia di migliaia di clandestini islamici verso il nostro – sottolineiamo nostro – Paese.

E gli arrivi di clandestini in Friuli Venezia Giulia continuano a crescere. Soprattutto da quando c’è il nuovo governo.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lo attestano i numeri resi noti nell’audizione dei quattro Prefetti del Friuli Venezia Giulia in Consiglio regionale.

Ormai penetrano tra i 150 e i 300 clandestini a settimana, perlopiù pachistani. Quasi tutti chiedono asilo e visto che, nella stragrande maggioranza dei casi, da quando Salvini ha abrogato la famigerata ‘protezione umanitaria’, la richiesta viene respinta, loro fanno ricorso e rimangono nel sistema dell’accoglienza. Ma il Pd vuole ora venire loro incontro: eliminando i decreti Salvini, rimettendo così la ‘protezione umanitaria’.

Poliziotto rivela: “Francia e Slovenia ci riempiono di immigrati, è una truffa” – VIDEO

Ridotti anche i numeri delle riammissioni in Slovenia. Non funzionano i rimpatri volontari: meno di 10 per ogni provincia. Altro problema è la la lentezza delle procedure di trasferimento all’estero dei cosiddetti dublinanti: a noi li rimandano dalla Francia, ma noi non siamo in grado di rimandarli in Slovenia.

E sono migliaia i clandestini islamici che stanno marciando verso l’Italia lungo la via dei Balcani, quella che in questi anni ha portato in Europa milioni di immigrati.

L’allarme: “Senza decreto Salvini sarà invasione: 25mila islamici in marcia”

Con la chiusura della frontiera ungherese dopo il grande muro di Orban, ora la nuova rotta scorre più a ovest, pericolosamente più a ovest, con la Bosnia-Erzegovina come crocevia. E poi la Croazia. La Slovenia.

E dopo aver attraversato la Croazia e la Slovenia, Trieste è a un passo. Trieste è dove vogliono passare per dilagare nella pianura padana, come gli Unni di Attila:

Islamici in marcia: “Vogliamo andare in Italia” – VIDEO

In particolare, è la Bosnia-Erzegovina che si trova ad affrontare una situazione di vera emergenza.

Le stime sulle attuali presenze, che includono solo chi è stato registrato, stimano un piccolo esercito di circa diecimila clandestini che premono verso la Croazia. E poi Trieste.

Anche perché non ci sono controlli:

Militare sloveno ammette: “Lasciamo andare i clandestini in Italia”

Ora che non c’è più Salvini si riversano da ogni dove, come cavallette, verso l’Italia del Pd. Che ha riaperto la mangiatoia.




Vox

Lascia un commento