90% italiani contrario ma i clandestini torneranno in hotel

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Poco dopo il voto – Succede infatti che, a poche ore dalla richiesta dei progressisti successiva al voto di domenica e lunedì scorsi, i nove articoli del decreto della ministra dell’Interno Lamorgese che cancellerà la legge del Conte uno e giacciono a Palazzo Chigi da un mese siano tornati da attualità. La solita ambivalenza della sinistra, che sotto elezioni tiene i profughi in alto mare e getta la corda solo a urne chiuse. Ora si aspetta il 30 settembre per approvare il provvedimento perché, se venisse votato prima, ci sarebbero i tempi tecnici per tenere un referendum che lo abroghi entro fine anno; e qualora passasse, la sconfitta dei democratici sarebbe epocale, sarebbe la pietra tombale su tutta la politica migratoria della sinistra. I contenuti del decreto sono un salto di due anni e ignorano la volontà popolare, acclarata dai sondaggi che davano all’89% il gradimento degli italiani alla linea salviniana sull’immigrazione. A leggere il provvedimento sembra di rivivere un incubo. Il piatto forte è il ritorno all’accoglienza diffusa. Rivedremo i clandestini ospitati negli alberghi a nostre spese. Cooperative post-comuniste e associazioni religiose torneranno a fare i soldi ospitando gli irregolari in centri orribili e facendo la cresta sulla diaria che ne ricavano. Tra accoglienza materiale, assistenza sanitaria, assistenza sociale e psicologica, mediazione linguistico-culturale, somministrazione di corsi di lingua italiana e servizi di orientamento legale e al territorio, c’è trippa per ogni operatore in cerca di fortuna.




Vox

2 pensieri su “90% italiani contrario ma i clandestini torneranno in hotel”

  1. Inutile nascondersi, ogni cedimento, anche solo verbale, fa ripartire i barconi. E’ successo con la bella idea di Bellanova, lo sarà con i decreti sicurezza, e peggio ancora con la cittadinanza.
    Lo abbiamo visto anche nel precedente articoli sui nigeriani.
    Ogni volta che sentono un cedimento, un’elezione che va bene alla sinistra, ritengono, con buone ragioni, di avere licenza di partire.

Lascia un commento