Lamorgese confessa: “8.400 clandestini spostati da Sicilia al resto d’Italia”

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Lamorgese: trattato Dublino va superato
Sul tema dell’immigrazione, secondo la
ministra dell’Interno Lamorgese,occorre
“il superamento completo degli accordi
di Dublino”,che “ruota intorno alla re-
sponsabilità dello Stato d’ingresso”.

“Abbiamo dato rifugio alla Alan Kurdi”
ad Arbatax. Lo sbarco sarà autorizzato
“se il mare peggiora” e solo 25 migran-
ti rimarranno in Italia, spiega. Entro
domani, sarà svuotato l’hotspot di Lam-
pedusa.Trasferiti dalla Sicilia,dopo la
quarantena, 8.400 migranti. Da ottobre,
voli aggiuntivi per i rimpatri in Tuni-
sia: da qui in un anno 9.200 arrivi.

Non solo fano atti criminali, ma tentano anche di sbolognarli come altro. Il fatto che verranno sbarcati in caso di mare mosso è la scusa più incredibile mai sentita fino ad ora. La realtà è che Conte è la p****** della Ue e fa qualunque cosa Macron e Merkel gli ordinino di fare.

E intanto si apprende tra le righe che un governo di abusivi ha traghettato 8.400 clandestini dalla Sicilia al resto d’Italia dopo una crociera di quindici giorni su navi di lusso invece di riportarli in Tunisia. Tra l’altro più vicina.

Del resto i rimpatri in Tunisia sono 80 alla settimana. Ovvero circa 300 al mese. Meno di 4mila l’anno. Meno della metà di quanti ne sono sbarcati in nove mesi. Ed includono i clandestini già presenti.

Un governo serio avrebbe scortato con navi militari le navi cariche di tunisini in Tunisia, che facevano, le affondavano? Ancora meglio.




Vox

8 pensieri su “Lamorgese confessa: “8.400 clandestini spostati da Sicilia al resto d’Italia””

  1. e’ servito a molto mettere musumeci e compagnia in regione Trinacria…aveva aragione bossi 30 anni fa, secessione e lasciare i meridios al loro destino, con di maio, la morgese e compagnia. Troppo tardi

  2. Il bello è che questo “prezioso” carico ci costerà altre “spending review”, tagli a spesa pubblica e caxxi vari,perché li dobbiamo mantenere tutti.

    Hanno già aumentato le tasse in maniera subdola: ora perdono per la richiesta di un banalissimo documento al comune, chiedono il pagamento di una marca da bollo.
    BASTARDI!

  3. La domanda che mi pongo spesso è a che proposito si prodighino per importare quanti più immigrati possibile in italia e facilitandone la naturalizzazione. Nel breve termine, certamente costituiranno il bacino di voti per mantenersi al governo, ma altrettanto certamente, non appena i numeri lo consentiranno, costituiranno un partito islamico con cui rivendicare la loro fetta. Inizialmente farà da stampella al pd, ma anno dopo anno detterà la linea politica da seguire… e cioè più immigrazione e più naturalizzazione e altre amenità dei loro paesi. Poi, una volta raggiunta una percentuale maggioritaria, imporranno la loro linea politica che il pd in minoranza dovrà accettare, cosa non difficile per loro, anzi lo abbracceranno come progresso.
    E quindi l’epilogo, cioè anche gli ultimi servi del pd saranno cacciati o si dovranno convertire all’islam per restare al comando.
    E alla fine cosa si sara’ prodotto? Un’Italia islamica, dove le donne andranno in giro in burka, nelle scuole in burka, e lo stesso in televisione. Il tiggi’ sarà presentato da una donna velata, proprio come succede in medioriente. E forse per allora i pidioti si saranno estinti, almeno questa sarà una soddisfazione.

    1. non fa una piega, lo dico da decenni che andrà così, ben prima della più famigerata missione della storia “mare nostrum”.
      Detto questo, ti sei dimenticato una variabile, non di poco conto.
      Cosa faranno i patrioti? Se queste sono le premesse, auspico ci sia la guerra. Se si deve perdere la patria la si perde combattendo, non perché si è messi, anno dopo anno, in minoranza ‘democraticamente’ e a colpi di ‘solidarietà’ umanitaristica verso il terzo mondo.

Lascia un commento