Clamoroso: governo perde 3 senatori in 3 giorni

Condividi!

Evidentemente la sua ragione è così chiara da rendere impossibile anche a molti governativi votare contro, nonostante il suo ingresso al Senato metterebbe a rischio il governo.

La Giunta delle Elezioni del Senato proporrà all’Aula l’annullamento dell’elezione del senatore Vincenzo Carbone, eletto in Campania con Forza Italia e poi passato ad Italia viva, dopo il ricorso presentato da Claudio Lotito. La decisione definitiva sull’assegnazione del seggio dovrà ora essere presa dall’Assemblea.

Nella seduta pubblica di oggi, dopo la relazione di Adriano Paroli, favorevole all’accoglimento del ricorso di Lotito, sono intervenuti Massimo Luciani, a sostegno dello stesso Lotito, e il senatore Carbone, che ha anche consegnato la memoria predisposta a suo favore da Annibale Marini.

Successivamente la Giunta si è riunita in camera di consiglio e ha quindi deciso di proporre all’Aula l’annullamento dell’elezione di Carbone, che, se approvato, porterà alla proclamazione a senatore del presidente della Lazio, che si era candidato con Forza Italia.

Dodici i voti favorevoli e sette i contrari. Non ha partecipato al voto Pietro Grasso, di Leu, partito che sostiene che il seggio andrebbe attribuito a Peppe De Cristofaro. Erano invece assenti i senatori Gregorio De Falco, Mario Giarrusso e Mattia Crucioli.

”No comment”, non si sbilancia Lotito, contattato dall’Adnkronos per un commento. Carbone, invece, ha espresso il suo pensiero nella seduta pubblica della Giunta. “Non avrei mai creduto che in questi due anni e mezzo io sarei stato additato da tanti giornali, dalla gente, come il senatore abusivo, come se stessi occupando un posto che non mi competeva -le sue parole-. Doverlo spiegare ai propri figli è davvero triste, è una cosa che non auguro a nessuno dei miei colleghi, è davvero la cosa più triste del mondo, sapendo in cuor mio che la Corte di Appello di Napoli ha deciso nel modo giusto, rispettando la norma, altrimenti non sarei qui oggi”.

Nelle elezioni del 2018 Carbone, dopo il meccanismo delle opzioni, è risultato eletto per Forza Italia nella circoscrizione Campania 3 nella quota proporzionale ed è poi passato con il Gruppo di Italia viva. Lotito era stato invece candidato sempre nella quota proporzionale con Forza Italia nella circoscrizione Campania 1, numero 2 della lista guidata da Sandra Lonardo, moglie di Clemente Mastella, non riuscendo ad essere eletto anche in questo caso una volta esaurito il meccanismo delle opzioni.

Al di là del personaggio in sé, la sua elezioni significherebbe che nel giro di pochi giorni l’opposizione ha guadagnato tre seggi, inclusi due con le elezioni suppletive. Bilico totale.




Vox

3 pensieri su “Clamoroso: governo perde 3 senatori in 3 giorni”

Lascia un commento