Salvini: voti dicono Lega primo partito, sovranisti al 50% a livello nazionale

Condividi!

Se perdi decine di consiglieri regionali, una regione che governavi da cinquant’anni ed esulti perché ne hai mantenuta un’altra passando da +30 a +7 nel giro di cinque anni, e poi dici di avere vinto, sei il PD.

Detto che la Lega ha vinto queste elezioni regionali, moltiplicando i consiglieri, strappando una regione rossa al Pd, rendendo contendibile per la prima volta la Toscana, ci sono stati anche degli errori.

Salvini: voti dicono Lega primo partito
“Se i voti contano gli elettori stanno
dicendo chiaramente che la Lega è di
gran lunga il primo partito”. Così Sal-
vini, rispondendo a una domanda sulla
leadership del centrodestra.

Poi sottolinea:”Abbiamo perso in Tosca-
na e in Puglia ma aumentando i consi-
glieri” e “abbiamo vinto nelle Marche
dove non si vinceva da 50 anni”. Pro-
blemi con Zaia? “Una fantasia”. Salvini
ribadisce: “Non ho mai pensato di usare
il referendum come spallata al governo”
Ma “siamo maggioranza nel Paese”, ora
il governo “ci ascolti”.

Il primo è stato candidare due impresentabili vecchi arnesi moderati in Puglia e Campania. Uno dei quali è il nuovo che avanza in FdI: Meloni, smetti di imbarcare ex forzisti in cerca d’asilo.

Un altro errore, ma in Toscana Ceccardi non avrebbe vinto comunque per gli stessi motivi strutturali che rendevano impossibile la vittoria in Emilia – demograficamente il Pd è appeso ai vecchi nelle regioni rosse, per questo ha fretta di regolarizzare clandestini e renderli ‘italiani’ -, è stata la campagna poco aggressiva di Salvini.

Il suo stratega ha colto il messaggio sbagliato dalle elezioni in Emilia: lì l’aggressività sull’immigrazione non ha frenato la vittoria, ma ha permesso di sfiorarla. In Toscana, dopo l’attacco della congolese, pigiare in modo più forte sull’invasione avrebbe accorciato ulteriormente le distanze.

Meno selfie coi ‘negri’ – citazione Fausto Leali – e più aggressività. Così si vince. O comunque si perde meno anche dove è impossibile, per ora, vincere.

Per il resto, traslati a livello nazionale, i voti alla coalizione sovranista superano il 50 per cento. E nell’unico posto dove Pd e M5s si sono presentati insieme, in Liguria, si è ripetuto quanto accaduto in Umbria: non hanno sommato i voti, li hanno persi.

Ergo, questo governo e questo Parlamento non sono legittimi. E Salvini dovrebbe smettere di considerare Conte un interlocutore legittimo a cui chiedere, denunciandolo invece per quello che è: un abusivo.

Comunque Conte lo toglierà di mezzo Covid-19. Perché un nuovo lockdown è inevitabile. E crollerà tutto. Prepararsi.




Vox

2 pensieri su “Salvini: voti dicono Lega primo partito, sovranisti al 50% a livello nazionale”

  1. E’possibile, anche perche’ nonostante la mordacchia dei pennivendoli, la realtà (basta avere informazioni di prima mano dai settori sanitari e sociali) è che il covid scorrazza in ampie praterie fra clandestini e stranieri che, con controlli praticamente assenti, sono liberi di diffondere il contagio nei luoghi pubblici. 🇮🇹

  2. Lega e FdI possono fare una coalizione da soli. La presenza di Forza Silvio non é più necessaria, dato che parliamo di un partito che ormai votano solo nei territori dell’ex Regno delle Due Sicilie. Ieri sera e stamattina, nei vari talk ho sentito parlare alcuni berluscones, ossia esponenti di FI, veri e propri giannizzeri dell’ex Cav, che si autodefiniscono “determinanti” per il cdx: ma in che razza di realtà vivono? Ma che puttanate sparano? Ma si rendono conto che pure Fratelli d’Italia li ha scavalcati nelle percentuali? Che la coalizione di cdx ormai non è più a trazione centrista, ma più destra che centro?

    Comunque i voti di lista del Veneto devono fare riflettere: il fatto che la lista più votata sia stata la Zaia Presidente con il 46%, non è soltanto espressione di alto gradimento dei cittadini veneti verso il presidente uscente, ma anche del fatto che evidentemente la maggioranza dei leghisti locali non gradisce la Lega nazionale, ma avrebbe preferito che la Lega fosse rimasta il partito del Nord.

Lascia un commento