Clandestini arrivano con la Scabbia e il Covid-19: quarantena in hotel

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Malati di scabbia e in stato di ipotermia. Sei clandestini viaggiavano così nel cassone frigorifero di un tir proveniente dal porto di Salonicco in Grecia e diretto via terra al porto di Ancona. Sono stati i carabinieri della stazione di Castel San Pietro Terme a fare la scoperta, aprendo il portellone di carico di un autocarro destinato al trasporto refrigerato di feta, il formaggio tradizionale greco, che si era fermato in un’area di servizio sugli Stradelli Guelfi.

Dopo molte ore, assistiti dall’Arma di Imola , dai sanitari dell’Ausl e con l’interessamento del personale dell’ Igiene e Sanità Pubblica di Imola e della Prefettura di Bologna, cinque clandestini sono stati trasferiti in un “Centro Accoglienza Straordinaria”, mentre il sesto, positivo al Covid 19, è stato sottoposto alla sorveglianza sanitaria, con isolamento fiduciario in un albergo di Imola. L’autista del tir che si era fermato all’area di servizio per fare rifornimento di gasolio al suo autocarro, 62enne serbo, dipendente di un’azienda ungherese di trasporti su gomma, è risultato estraneo alla vicenda. L’Autorità giudiziaria è stata informata dai carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Imola che hanno avviato le indagini.

Fuggono dalla guerra in Grecia.




Vox

Un pensiero su “Clandestini arrivano con la Scabbia e il Covid-19: quarantena in hotel”

  1. E il carico di feta?Dopo che ci hanno sguazzato, probabilmente pisciato e cagato sopra, va lo stesso nei supermercati, vero?
    Tutta salute!E come sono solerti a soccorrere i clandestini, tanto quanto lo sono a lasciar morire gli italiani!Che schifo di stato di merda, lui e i suoi servi “soccorritori”!

Lascia un commento