Regionali, spoglio: per ora è 4 a 3

Condividi!

Lo spoglio in corso conferma sostanzialmente i dati degli exit-poll, tranne in Puglia, dove il candidato uscente Emiliano sarebbe avanti d circa 6 punti percentuali. Zaia si conferma vicino all’80 per cento. Toti in Liguria verso il 55 per cento e il candidato sovranista strappa le Marche ex-rosse al Pd.

Si conferma anche il democristiano De Luca verso il 70 per cento. E in Toscana Ceccardi avrebbe sfiorato – a distanza di 4 punti – quella che sarebbe stata considerata solo fino a pochi anni fa un’impresa impossibile.

Vittoria leghista in Valle d’Aosta.

A questo punto finirebbe 4 a 3. Ovviamente detta così suona molto diversa dalla realtà in cui chi appoggia il governo perde una regione rossa e rischia di perdere anche l’altra e vincerebbe solo in due regioni con candidati anomali.




Vox

7 pensieri su “Regionali, spoglio: per ora è 4 a 3”

  1. In Campania c’é stata l’operazione Mastella, che per l’ennesima volta nella sua lunga attività politica ha cambiato schieramento, avendo appoggiato De Luca. Il PD ha preso il 16, 5%, le liste civiche collegate più del doppio. Ergo, il risultato di De Luca é drogato dalle liste civiche.

    Queste liste collegate vanno vietate, perché falsano i risultati. Vanno permesse le liste civiche solo a chi non fa parte di alcun partito.

  2. ame semba che il 10 5 del 5s non sia dapoco, visto che si sapeva che erano quasi esitinti ma forse no, poi hanno scelto dei fare i camerieri di apoggio al bd, ergo non sono poi andati malissimissimo! Certo quasi 33% a fare da reggi bandiere di una riforma tipo Camera dei Lord , House of Parliament! Boh contenti loro! Piu che altro noto i giornali on line delle mezzeseghe tipo IL FANFAKE, il manettaquotidiana in festa! Cmq la Lega non sfonda! Piu che altro come mai queli deL bd ricevono ancora voti visto che a detta dei giornali on line tutti gli italiani erano contro i DPCM, contro la dittatura sanitaria?…..claro que è l’effetto scia della sindrome di stoccolma,,,,,,chi vuole capire… Saluti e baci-!

    1. Concordo pienamente. I risultati ottenuti dal M5S a queste elezioni regionali sono più che ragguardevoli, perché l’abbraccio col PD per formare il Giuseppi bis, andava contro il loro elettorato e poteva essere a loro fatale. Se c’è qualcuno che ha rimediato un tonfo micidiale, è stato Renzi, il quale nella sua Toscana con Italia Viva ha preso il 4,4%. In altre regioni non arrivano al 3%. Addirittura in Veneto hanno preso lo 0,8, se non erro.

      A Renzi e ai suoi seguaci gli conviene tornare al PD se non vogliono sparire…

Lascia un commento