Gf Vip, Fausto Leali squalificato per avere definito ‘negro’ un ‘negro’

Condividi!

Il GfVip, oltre ad essere una delle tante trasmissioni trash dei canali Mediaset, è anche un grande mezzo di indottrinamento delle masse. E’ attraverso queste opere di ostracizzazione che si ‘educa’ chi resiste al politicamente corretto:

Fausto Leali è stato espulso dal Grande Fratello Vip. Il cantante è stato punito per aver chiamato “negro” Enock Barwuah, il fratello di Mario Balotelli. “Nero è un colore, negro è la razza”, ha poi aggiunto il cantante. Dopo le polemiche suscitate dalle sue parole, è stato il presentatore Alfonso Signorini a comunicare la decisione in diretta: “Fausto, il pubblico ti conosce bene sia come grandissimo artista che come grande uomo. Al di là delle tue reali intenzioni, però, il peso delle parole che hai pronunciato può e deve avere una sola conseguenza: sei ufficialmente squalificato dal Grande Fratello, ti aspetto qui in studio per parlarne”, ha detto Signorini.

E dopo ostracizzazione che porta all’espulsione del ‘colpevole’ dal gruppo, di questa grande funzione religiosa fa parte anche il ‘pentimento’ a cui la vittima viene costretta per essere riammessa nel gruppo.


Nel mondo mediatico di oggi un tunisino che sbarca da un barcone è un ‘profugo’ e un negro è ‘di colore’. Come se l’unico colore fosse il nero. Che non è nemmeno un colore.




Vox

11 pensieri su “Gf Vip, Fausto Leali squalificato per avere definito ‘negro’ un ‘negro’”

  1. il gf è il peggio del peggio , deforma e inclina lo spazio tempo di una realtà fragile come il tessuto social culturala italiano visto che vivono tutti di selfie, droga, culi nudi, e nani e ballerine del bd!

Lascia un commento