Toscana: è l’ultima occasione, votate Ceccardi o la congolese

Condividi!

Ceccardi o morte. I patrioti che votano in Toscana devono assolutamente votare il candidato governatore della Lega.

Meglio fare due X per evitare che qualche scrutatore metta una X per voi all’altro candidato visto che è valido anche il voto disgiunto:

Se volete potete anche esprimere una preferenze.
Il voto toscano è fondamentale. Non solo perché Ceccardi è il prototipo del candidato sovranista. Ma anche perché ha valore nazionale. Perché possono dire quello che vogliono, se il PD perde la Toscana, il governo crolla. Come sarebbe accaduto se avesse perso in Emilia. Dove perse, ma il candidato fece la differenza.

E’ il tempo della spallata.

Per il resto, Zaia in Veneto vincerà comunque, ma un voto in più è un chiodo in più sul cuore del vampiro Conte. Toti in Liguria merita la riconferma. Acquaroli nelle Marche è un’altra regione rossa che cade. Fitto in Puglia è meglio di Emiliano che regala le casette ai ‘negri’. Riguardo la Campania, il democristiano De Luca sfida il socialista Caldoro, non che il secondo sia entusiasmante, tutt’altro, ma il primo deve pagare il fanatismo covidiota.

Se non votate in queste regioni e non avete Comuni al voto, visto che la vittoria del SI al referendum è scontata, e meno parlamentari è cosa buona anche se presenta delle criticità per la rappresentanza, potete anche astenervi e non dare al M5s la soddisfazione di un’alta partecipazione al referendum. Potete farlo anche nelle regioni dove si votano le Regionali o nei comuni dove si svolgono le Comunali semplicemente non ritirando la scheda per il Referendum.

E’ l’ultima occasione di evitare la catastrofe. Per mesi, anni, abbiamo atteso il 4 marzo. Terrorizzati che non arrivasse in tempo, ad evitare che una maggioranza abusiva utilizzasse il voto di alcune prostitute politiche per approvare lo ius soli. Per anni abbiamo guardato sconcertati orde di clandestini sbarcare sulla nostra terra, a migliaia al giorno. Ne abbiamo contati quasi un milione da quando governa il PD.

Poi abbiamo votato. E vinto. Ma il regime è tornato. Con un colpo di palazzo, il Pd, per la quarta volta in sei anni, è di nuovo tornato al governo in modo abusivo. Per portare a termine il piano di disarticolazione etnica e sociale dell’Italia.

E da un anno a questa parte, hanno ricominciato a sbarcare. A migliaia.

Ma dopo il colpo andato a vuoto in Emilia, ci siamo ancora. Non tutti gli italiani, ma solo quelli residenti nelle regioni in cui si vota. Soprattutto quelli residenti in Toscana avranno l’occasione di riprendersi, anche per tutti gli altri italiani che non possono votare, ciò che è nostro di diritto. E di difenderlo. Noi che per l’Italia daremmo la vita.

Se abitate in Toscana, dovete andare tutti a votare. Deve essere evitato sopra ogni altra cosa che il governo abusivo possa sopravvivere: basta una spallata, e finirà l’agonia.

Ci sono navi Ong cariche con centinaia di clandestini. In attesa solo della fine del voto in Toscana. Un assaggio di cosa accadrà se questo governo illegittimo dovesse ricevere dal voto delle regionali non certo una legittimità democratica che non può avere, ma comunque la scusa di andare avanti e prolungare l’agonia.

Per dare la spallata, c’è un’unica opzione possibile: votare Lega in tutte le regioni. Votare Ceccardi in Toscana. Non ci sono alternative. E’ l’unico voto che conta. Sì, l’ideale sarebbe stata una grande alleanza sovranista di tutte le forze populiste: dalla Lega a CasaPound. Non è stato possibile. E se non vogliamo che Pd e M5s continuino a foraggiare fancazzisti in hotel per altri tre anni, non ci resta che votare Lega. Perché l’onda elettorale travolga Conte e i suoi ministri abusivi.

Non è la scelta perfetta. E’ l’unica scelta possibile. Una non vittoria in Emilia Romagna potrebbe essere la catastrofe. Potrebbe essere lo ius soli. E la fine della Patria.

In Toscana non è un’elezione regionale qualunque. Siamo davanti ad un baratro che dà sull’avvenire.

O iniziamo a riprenderci l’Italia questa volta, o non ce la riprenderemo più: perché non esisterà più. E’ l’ultima occasione. E l’ultima occasione si chiama Salvini.

Poi verrà il tempo – e come se verrà – di un governo rivoluzionario che ridarà all’Italia la sovranità perduta. Ma quel tempo non è ancora. Tutti al voto, cazzo.




Vox

10 pensieri su “Toscana: è l’ultima occasione, votate Ceccardi o la congolese”

  1. In Emilia, a mio avviso ha vinto BONACCINI, grazie all’aiuto delle sar…dine e perché il problema della invasione non è fatto percepire per quello che è e la crisi non ha messo sul lastrico, ancora molte famiglie.
    A mio avviso il PD, ha vinto, perché hanno fatto “dei mancini, dei polentini”, cioè dei sotterfugi, in quanto si iniziano a stancare anche qui dell’anarchia.

    1. Esattamente, se non c’erano loro a sollevare il solito antifascismo in assenza di fascismo da 75 anni, il centrodestra avrebbe avuto più possibilità di farcela. Anche la Bergonzoni come candidato era debole. Invece la Ceccardi è molto quotata.

  2. Io ho votato stamattina nelle marche. Alle 7.15 c’era la fila. Segnata anche preferenza per il candidato, giusto per non sbagliarmi.
    Controllo Matita copiativa ok, un abitudine che faccio sempre portandomi un pezzetto di carta.

  3. Tutti a votare,certo,ma in Toscana non ci faranno vincere mai,con tutti i metodi,e con molti grillini che faranno il voto disgiunto.Peccato,ma tra cinque anni i tempi saranno maturi per vincere in Toscana ed Emilia Romagna.Pronostico Giani 42.8%—-Ceccardi 39.2. il resto frattaglie.

    1. Continuano anche sui tg (da la7 a mediaset) a fare propaganda occulta con bombardamento contro il razzismo italiano, il povero willy (un caso perenne mentre per i tanti, dal prete di Como alla 90 enne rapinata e violentata in Lombardia, tutto scomparso, non fa chic e non soddisfa il padrone), le “risorse”. Ora ci sono anche i blm italiani. Basta è ora di reagire. …(col voto)🇮🇹

  4. Ho fatto decine di elezioni, come elettore e anche dall altra parte come candidato, ma stamani mi tremavano (per dire) le mani: che emozione, spero che il mio sia il voto che fa la differenza; really now and here, in Tuscany comes The Storm. Q. 🇮🇹

  5. Speriamo bene, la Ceccardi è più fumantina della Borgonzoni e non ha di fronte a se un candidato ‘maschio’ come Bonaccini, Giani non lo conosce nessuno e non ha nessun carisma.
    Resta il fatto che candidare una donna, così giovane oltretutto, potrebbe rivelarsi un boomerang.

    1. Il problema sarà l affluenza. PD dispensa ancora benefit (posti,promozioni,concessioni varie) e tutti i beneficiati accorreranno in massa. Sono ormai la minoranza, perché non ne può più anche buona parte delle persone con posizioni di sinistra, ma il pd-pci ha sempre beneficiato della disciplina degli “adepti”.🇮🇹

  6. Perché uno che chiude gli ospedali in appennino ed una partoriente ha partorito in elisoccorso, perché non c’era un ambulanza che arrivasse in tempo, lo definite uomo?
    Uno che promette aiuti all’agricoltura, vantandosi dei suoi “fatti e non parole”, riferito al centro destra e, non fa nulla, voi lo chiamate uomo?
    Uno che di fronte a proposte di oscurare le croci dai cimiteri, per non offendere i non credenti, cioè gli islamici, senza proferire parola, voi lo definite uomo? Forse dal punto di vista anatomico, ma dal punto di vista intellettivo, non saprei….

Lascia un commento