Grande Fratello Vip, Fausto Leali le canta al fratello di Balotelli: “Si dice negro”

Condividi!

Il Grande Fratello Vip è il trash del trash, con fratelli di nipoti di persone famose. Ma almeno Fausto Leali le canta al politicamente corretto.

Ora, per Fausto Leali, l’espulsione dalla casa del Grande Fratello Vip (il reality condotto da Alfonso Signorini su Canale 5) è davvero vicina. Dopo le polemiche a tempo record per le controverse frasi su Benito Mussolini ed Adolf Hitler, ecco il “bis” del cantante sulla parola “negro”. Parlando con gli altri inquilini, infatti, ha usato in modo disinvolto la parola “negro”, stigmatizzata però dagli altri concorrenti del Gf Vip. A quel punto, stizzito, Leali ha replicato: “Ma dai smettila… nero è il colore, negro è la razza”. A quel punto è intervenuto Enock Barwuah, fratello minore di Mario Balotelli, che ha puntualizzato: “Però da casa ci guardano. Non deve passare ‘sta cosa del negro, sennò diventa una cosa comune”.

A quel punto Leali fa una mezza retromarcia: “Assolutamente, gli uomini di colore sono i bianchi”. Dunque rincara: “Allora cosa devo fare con la canzone Angeli negri, la cancello?”, chiede. Così si inserisce Patrizia De Blanck: “Neri devi dire. Ora ti fanno la stessa cosa di Mussolini, mo so cazz***”, ha chiosato come sempre in modo piuttosto genuino. Ma Fausto Leali non arretra: “La canzone è nata anni fa, che colpa ne ho io?”. E ancora, il fratello di Balotelli: “Ho capito cosa vuoi dire, ma e una parola che non deve essere detta, sennò la gente pensa che è normale, ma è non è normale perché se a me la dicono per strada mi dice quella cosa lì…”, lascia in sospeso la frase. Ma sui social sta già montando la polemica, feroce, contro Fausto Leali: in molti chiedono a gran voce la sua espulsione.

“Nero è il colore. Negro è la razza”. La verità.




Vox

5 pensieri su “Grande Fratello Vip, Fausto Leali le canta al fratello di Balotelli: “Si dice negro””

  1. Lo avrò scritto e ripetuto nelle nostre conferenze non so più quante volte…..in lingua italiana corretta il termine NEGRO / negra – negri – negre = NON E’ un insulto.
    Caso mai lo diventa se viene associato a un qualche termine dispregiativo ( = o p***o negro! = negri di m***a! e via dicendo… ).
    E una volta per tutte = il “razzismo” sarà discutibile, ma le RAZZE umane esistono. fatevene una ragione.

  2. Infatti viene dal latino niger che significa nero (anche scuro, fosco, funesto e malvagio, ma si sa che i latini erano molto superstiziosi). Negro in italiano non ha la stessa connotazione di nigger. Quest’ultimo termine fu coniato apposta con significato dispregiativo, cosa che ‘negro’ in italiano assolutamente non ha. In spagnolo nero si dice negro. Il PolCor non guarda in faccia la realtà, solo il mondo immaginifico che proietta all’esterno. +

    Allora cambiate anche il nome al Niger e alla Nigeria. Teste di cazzo.

  3. un negro si chiama negro come un rottoinculo di frocio si chiama ricchione, al limite se vi fa piacere negro di merda e ricchione di merda, queste sottospecie di sottosviluppati non siano razzisti contro se stessi, accettate di avere un colore della pelle di merda, ed accettatevi per il fatto che lo prendete in culo ed andate in piazza strillando di essere orgogliosi di prenderlo in culo, malati di mente e ritardati

  4. Perché voi non ricordate più la canzone I Watussi di Edoardo Vianello. La mettono spesso ai comizi della Lega.
    https://youtu.be/pRz9QT54Uec

    Negro non è una parolaccia è così che si chiamano loro daĺl’epoca romana, e non accusiamo gli italiani di razzismo, perché gli schiavi li avevano altri: inglesi, spagnoli, portoghesi, americani… e poi nel 1935, con la conquista dell’Etiopia, l’Italia abolì la schiavitù nel regno etiope. Ancora oggi la schiavitù è in vigore in Africa nei paesi musulmani. Non parliamo poi di come gli africani “bianchi” a Nord del Sahara trattano i negri della zona subsahariana.
    Ma fatemi il piacere: Balotelli, il fratello, e tutto il caravanserraglio.

Lascia un commento