UE: usare fondi Recovery Fund per indottrinare sul razzismo

Condividi!

La Commissione europea presenta un piano d’azione con cui dichiara guerra al razzismo e alla xenofobia, a partire dalle scuole e dagli ambienti delle forze dell’ordine. Bruxelles nominerà per la prima volta un coordinatore anti-razzismo, invitando gli Stati membri a dotarsi di piani nazionali entro il 2022, e ad utilizzare le risorse del prossimo Bilancio Ue e del Recovery fund, per mettere in campo misure efficaci. Il mancato rispetto delle direttive europee potrà dare luogo a procedure di infrazione.

“I progressi per combattere il razzismo e l’odio in Europa non sono abbastanza. È giunto il momento di affrontare il problema. Le proteste parlano chiaro: il cambiamento deve avvenire ora. Non sarà facile, ma è necessario. Intensificheremo il nostro impegno e non esiteremo a rafforzare la legislazione, se occorre. La stessa Commissione adeguerà la sua politica di assunzioni in modo da rispecchiare meglio la società europea”, ha affermato la vicepresidente Vera Jurova, presentando l’iniziativa con la commissaria all’Eguaglianza Helena Dalli.

“Nelle società democratiche non vi è spazio per la discriminazione razziale e il razzismo di alcun tipo – ha avvertito Dalli -. Dobbiamo tutti impegnarci perché le nostre società siano antirazziste. Con questo piano d’azione riconosciamo che il razzismo non è solo perpetrato da singoli individui, ma che è anche un fenomeno strutturale. Dobbiamo pertanto contrastarlo a tutti i livelli di governance per invertire la tendenza. Per questo affrontiamo, tra l’altro, questioni riguardanti l’attività delle autorità di contrasto, gli atteggiamenti sociali, gli stereotipi e le difficoltà economiche e incoraggiamo gli Stati membri ad adottare i propri piani d’azione contro il razzismo”.

La UE è lo strumento attraverso cui l’oligarchia, con la creazione di una mastodontica burocrazia che nulla ha a che vedere con i popoli europei, rastrella i soldi delle vostre tasse da utilizzare poi contro di voi.




Vox

7 pensieri su “UE: usare fondi Recovery Fund per indottrinare sul razzismo”

  1. con me , potete addirittura darmi tutti i soldi dell universo, rimango delle mie idee, i negri nella savana!, li, li ha messi Dio….. e Dio non e’ razzista, li ha creati idioti…. e negri… parabola dei talenti , loro, di tutta e in tutta, l africa insieme ne posseggono 1 , uno di numero, sono negri, se ne facessero una ragione, se le troie europee non sono d ‘accordo vadano in africa a farsi stuprare, giuro che io giammai interverro’… io sono democratico, lo facessero anche loro, tramite un referendum… lo vuoi il negro si o no?… il mio voto e’ NO…quindi finitela di romperci er cazzo! le cose non cambiano e tutti sti soldi non li vogliamo, li ripagheremo salatissimamente nei tempi a venire, togliete i soldi che spendete per i negri parassiti e staremmo meglio

    1. Cippy l’altro giorno mi ha detto che la vecchia Oriana che parlava di Eurabia Sovietica era una di destra. È inutile che ci sforziamo: hanno la testa programmata per il revisionismo orwelliano anche se sono più di vent’anni che vivono con qualcuno di “destra” che non perde occasione di fare notare le incongruenze. E come hai notato per me stare zitto e morire sono cose analoghe.

Lascia un commento