Gioisce per la morte di Willy Monteiro: irruzione della Digos a casa sua

Condividi!

Nemmeno nella Germania dell’Est. Sicuramente non nell’Italia fascista:

“Come godo che avete tolto di mezzo quello scimpanzé, siete degli eroi”. Una frase agghiacciante pubblicata sui social poco dopo l’omicidio di Willy Monteiro, 21enne di origini capoverdiane ucciso di botte in una rissa a Colleferro. Solo adesso è stato individuato l’autore del post: si tratta di uno studente trevigiano di 23 anni, come riportato da La Tribuna di Treviso. Gli agenti della polizia postale, aiutati dai vigili del fuoco di Treviso, hanno fatto irruzione nell’appartamento del ragazzo, che per il suo post razzista aveva utilizzato un profilo fake.

Dopo il polverone sollevato, il finto Manilo Germano aveva provato a scusarsi così: “Innanzitutto denuncerò alcune persone che hanno divulgato le mie foto, le mie informazioni, il mio indirizzo su Facebook (per fortuna non abito più da 4 anni lì). Quello che ha scritto il post non ero io ma dei miei amici che avevano in mano il mio telefono, io mai oserei pensare certe cose, non è giusto che mi prenda certe responsabilità per due stronzi”. Ma queste parole non sono servite in alcun modo a frenare gli insulti che erano partiti nei suoi confronti. Poi il profilo è stato rimosso.

Durante la perquisizione gli agenti non hanno trovato in casa il giovane ma hanno sequestrato telefono, computer e chiavette usb per analizzarli nelle indagini. Il 23enne ora dovrà rispondere dell’accusa di istigazione a delinquere aggravata dall’odio razziale, un reato che può essere punito con una pena fino a 8 anni di carcere.

Ora, per carità, frasi di cattivo gusto. Ma gioire per la morte di qualcuno, sia questo nero, bianco o giallo non può essere reato in una democrazia. Né tantomeno portare ad un’irruzione in casa di qualcuno: questo avviene nelle dittature totalitarie in cui non si può esprimere la propria opinione.

In democrazia, per brutta che sia, un’opinione è sacra. O almeno dovrebbe esserlo.

Sei felice per la morte di Willy Monteiro? Sono cazzi tuoi, e un tuo problema di coscienza, non della Polizia Postale. Che dovrebbe impiegare le proprie risorse nel cacciare i pedofili che diffondono video di stupri sul web.

E poi, perché chi gioisce per la morte di un africano viene perseguito e chi invece gioisce per la morte di un italiano no?




Vox

19 pensieri su “Gioisce per la morte di Willy Monteiro: irruzione della Digos a casa sua”

  1. Ovviamente l’odio, la violenza e gli auguri di morte sono legittimi quando rivolti agli odiatori di destra perché il nemico è sempre il nemico. Siamo proprio sicuri di volere una società del genere?

  2. come nel periodo della boldranova e di renzaccio! perquisizioni, initmidazioni, sospensione delle garanzie repubblicane, odio ideologico contro il popolo, articolo a cottimo di debbunga contro nemici che sono nella loro capa di ubriaconi con lassativo mentale!
    DDR State!

  3. Irruzione in casa?Qui siamo oltre la follia!Ha osato dare aaddosso al novello simbolo della sinistra antifassista, ecco che é partito un dispiegamento di mezzi che manco x un serial killer!Questo dimostra come funziona in italia, quanti casi verrebbero risolti con lo stesso impegno?Questo é unnordine partito dall’alto del regime!8 anno x una frase e stupratori lasciati liberi subito, assassini che ne scontano meno…Ormai questo paese é invivibile, e si sciacquano con la cosstituzzione!!!Ma andate in culo, italia di merda!!!!Se sparisce un bambino questi sforzi non li fanno!!

  4. Allora gentile Vox: spero che la notizia sia vera: incongruenze: vigili del fuoc, polizia postale ???? MA STIAM SCHERZANDO??
    nenache la GESTAPO O LE SS o LE GRU facevano cotali nefandezze anti tutto! Per un post di merda! ma siete malati dentro! chi da questa ordine potenza alle FF.OO, questa non è polizia giudiziaria ,bensi palese terrore politico-giacobino, procedure della Stasi, delle GRU , delle NKVD ! Poi: on vedo nessuna istigazione e nessun odio ! Aparte che i sentimenti non son reati perchè scientificamente e popperianmante non riproducibili quantificabili ma solo forme esperenziali di dissenso, assenso, etc etc! non vorrei fosse la classica bufala come le banane finte… e POI : su liberoquotidiano con profili falsi FB decine di trolls piddari insultano a morte salvini i sovranisti, i complottisti, la meloni i 5s ! E UNA VERGOGNA!

    A STO PUNTO LA MAGISTRATURA si fondesse con la UE e issasse la falce e martello o anche la svastica se le aggrada!

  5. A parte che giore sulla morte altrui è esecrabile, specialmente se si tratta di svonosciuti o gente che non ha arrecato alcun male a chi sta gioendo.

    Ma qui si tratta palesemente di persecuzioni a fini ideologici in quanto il reo ha vilipeso una “icona sacra”, a giudicare dalla foto “curiosa” del Duarte che sembra un santino.
    L’idea che ho che vi siano dignità che valgano più delle altre.

    Di clownesco c’è il solerte impegno messo per dare la caccia a sto sfigato manco fosse uno dei peggiori criminali.
    Mi sembra di vedere il film Fracchia La Belva Umana nella realtà.

  6. i poveretti che si riversano sulle piattaforme sociali (così si chiamano, non social) a insultare il “razzista” sono il prodotto della meravigliosa “istruzione pubblica”, che Salvini e Meloni non vedevano l’ora di riaprire. Non hanno ancora capito che il problema è tutto lì, e sarà sempre peggio.

  7. proporrei una statua per gli eroi della digos, che, pur magari contrari all’invasione, non hanno perso tempo nel catapultarsi a casa del reo, in cerca di prove. Perchè lo stipendio statale garantito (anche a invasione in corso) non ha prezzo. Io comunque sono con loro, obbedire agli ordini di “lamorgese” e compagnia non dev’essere facile

    1. esistono negri migliori di tanti italiani, per esempio il senatore Iwobi, o Paolo Diop. Quindi no, non tutti pensano quello che tu pensi. E se anche io lo pensassi, non lo scriverei in pubblico per non danneggiare il sito, che se vogliono fanno chiudere domani mattina (pure se fosse su Tor)

Lascia un commento