Prete ucciso, indagine sulla Caritas: ha protetto l’assassino clandestino

Condividi!




Vox

4 pensieri su “Prete ucciso, indagine sulla Caritas: ha protetto l’assassino clandestino”

  1. Due cadaveri ammazzati con violenza uno Emigrato ed inserito uno Italiano , Cristiano Parroco , che aiutava i clandestini .
    Due diverse prese di posizione , Per l’Emigrato che si chiamava Willy ,stampa organi di partito , telegiornali , popolazione di Sinistra , stanno facendo una guerra , per l’Italiano chi se ne frega . tutti zitti , silenzio non si deve confrontare le questioni ,
    in realtà è solo colpa del merdoso governo che abbiamo , questo è solo uno dei modi di reagire che il popolo italico ha reagito dopo il lookdown , ed un modo che loro speravano che alcuni reagisse per imporre leggi restrittive. non è colpa dei 4 coglioni che hanno ammazzato Willy ma del sistema che li ha indotto a tale comportamento , ben diverso è l’omicidio da parte del pazzo clandestino importato dalla mafia sinistroide che ci domina . pertanto ,vogliono far cadere alla destra le colpe , ma sono solo colpa della sinistra fascista e mafiosa che governa , senza voto e senza preferenza . evviva la costituzione italiana che ammette l’anarchia .

  2. La caritas e tutte le coop affiliate, dato che copre e favorisce la permanenza dei clandestini in tutti i modi possibili sperperando miliardi di soldi pubblici, è una associazione a delinquere a tutti gli effetti

  3. Sto’ prete se la è andata a cercare con il lanternino.
    E’ come uno che scala le montagne dell’Himalaya o si lancia con una tuta alare o fa sport estremi; astrattamente ci può dispiacere se perde la vita ma – bisogna ammetterlo – se la è andata a cercare.
    Poteva fare il parroco gaudente e, in tal caso, si sarebbe pure trombato le parrocchiane, invece ha preferito covarsi le serpi in seno.

Lascia un commento