Clandestini bruciano il campo di Lesbo, 13mila ospiti: appello per trasferirli in Italia

Condividi!

Ogni occasione è propizia per chiedere di importare immigrati in Italia. I clandestini ospitati a Lesbo bruciano il centro che li ospita per costringere le autorità greche a trasferirli sulla terraferma e così dilagare nel resto d’Europa?

Clandestini incendiano di nuovo il campo di Lesbo: vogliono venire qui

I soliti chiedono di portarli in Italia.

Sull’isola di Lesbo, all’alba, è andato a fuoco il campo più grande d’Europa. Circa 13mila clandestini che ora, le solite ong, vogliono trasferire in Italia.

«Ciò che è accaduto a Moria è un disastro umanitario». Così il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, ha commentato gli incendi divampati questa mattina nel campo migranti di Moria, sull’isola greca di Lesbo. “Assieme alla Commissione Europea – ha scritto su Twitter – e ad altri stati membri vogliamo aiutare, dobbiamo decidere prima possibile come sostenere la Grecia”. “Questo include distribuire i rifugiati tra gli stati che lo vogliono”, ha concluso.

Subito si è attivata la famigerata Comunità di Sant’Egidio: «Si tratta di richiedenti asilo che da mesi, alcuni da anni, vivono in condizioni di estrema precarietà, dopo aver fatto lunghi e rischiosissimi viaggi per fuggire da guerre o situazioni insostenibili, in gran parte provenienti dall’Afghanistan – spiega Sant’Egidio in una nota – Sono per lo più famiglie, per una cifra complessiva di presenze che si aggira attorno alle 13 mila, con una percentuale di minori del 40 per cento. L’Europa, se è ancora all’altezza della sua tradizione di civiltà e umanità, deve farsene carico con un atto di responsabilità collettiva».

In realtà si tratta quasi esclusivamente di pakistani. Quasi tutti maschi. Un esercito islamico che ora gli amichetti di Conte vogliono portare in Italia. Rimandarli a casa sarebbe troppo intelligente, meglio sparpagliarli in tutta Europa.

Vi sembra normale che ogni occasione sia buona per organizzare trasferimenti di immigrati in Europa e in Italia?

«Nel frattempo, per fronteggiare l’emergenza di queste ore, chiediamo il trasferimento urgente dei profughi in campi attrezzati, forniti di servizi, in terraferma», conclude Sant’Egidio.

Che è esattamente quello che volevano i clandestini che hanno incendiato il campo. Chi li organizza?




Vox

7 pensieri su “Clandestini bruciano il campo di Lesbo, 13mila ospiti: appello per trasferirli in Italia”

  1. A proposito di quest’altra rovina dell’Italia che è la comunità di sant’egidio… Provate a digitarla su google, selezionate “critiche” e leggete l’inchiesta de “Il Primato Nazionale”… Mooolto interessante… Fra l’altro si becca milionate di finanziamenti pubblici dal ministero degli esteri

  2. L’Europa ha per fondamento i diritti umani. La prima parte della Costituzione Europea è una innumerevole serie di articoli che sanciscono i diritti della persona umana (non dei soli cittadini europei). Si tratta di principi generali cui devono attenersi gli stati membri nel legiferare. Per tale motivo, le leggi degli Stati Europei sono scritte rispettando i principi sanciti dalla UE. Questi principi e le leggi che ne derivano ci costringono ad accogliere, e integrare chiunque giunge in Europa. Se non usciamo dall’UE andiamo verso il degrado. (vedi:dirittiumani.net/italexit-parte-prima dirittiumani.net/italexit-parte-seconda dirittiumani.net/italexit-parte-terza

Lascia un commento