Governo chiede prestito di 300 milioni per mandare in crociera i clandestini

Condividi!

Sotto assedio. Ci indebitano per mandare i clandestini in crociera.

Il ministero dell’Economia (Mef) e la Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa (Ceb) hanno firmato un contratto di finanziamento da 300 milioni di euro per le spese sanitarie ed emergenziali legate al Covid-19.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tra le altre cose, il prestito coprirà le spese per mandare in crociera i clandestini, ovvero le “unità navali per l’assistenza sanitaria ai migranti”, si legge nella nota dell’accordo.

Insomma, ci indebitiamo per mandare i tunisini in crociera:

Esattamente per quasi la metà della cifra:

Tutti i favori del PD al gruppo Grandi Navi Veloci: 120 mln per mandare in crociera i clandestini

L’Italia è stata uno degli otto Paesi membri del Consiglio d’Europa che ha istituito la Ceb nel 1956 e con il 16,7% del capitale della banca è il primo azionista al pari di Francia e Germania.




Vox

Un pensiero su “Governo chiede prestito di 300 milioni per mandare in crociera i clandestini”

  1. Questi sono spiccioli, mes e recovery found serviranno a completare il loro piano.
    Può anche essere che una volta raggiunto l’obiettivo lascino il paese x godersi i soldi altrove senza immigrati tra le palle(se ci riusciranno).

Lascia un commento