Leader Islam in Italia:“Cristianesimo è eresia, vi correggeremo”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Ebraismo e cristianesimo sono “eresie” uno “storpiamento del messaggio originario”, lo scrive il segretario generale dell’Ucoii-Unione delle Comunità e Organizzazioni Islamiche in Italia Ucoii, Yassine Baradei, in post su Facebook, in data 29 agosto.

Baradei è intervenuto rispondendo ad un post di un correligionario che in riferimento al digiuno del giorno della Ashura, citava anche la “salvezza donata da Dio al popolo ebraico, tramite Mosè, durante la tirannia del Faraone” e in fine chiudeva l’intervento con un “Buon digiuno a tutti i fratelli musulmani, un abbraccio a tutti i fratelli ebrei”.

È a questo punto che il segretario dell’Ucoii interviene con una “correzione”, scrivendo che in realtà si trattò del popolo israelita (cioè i figli d’Israele il profeta) e non il popolo ebraico che è di più recente nascita. Baradei poi aggiunge: “Credo che ci sia molta confusione in generale tra i musulmani su questi aspetti. I figli di Israele (sempre il profeta) non erano ebrei…”

“L’ebraismo è una religione, come il cristianesimo che si sviluppò dopo. Nel credo dell’Islam infatti questi due credi sono un’eresia, uno storpiamento del messaggio originario di questi profeti. Iddio lo dice chiaramente nel sublime Corano quando afferma che nessuno dei profeti era ebreo o cristiano ma musulmano o tuttalpiù hanif (ortodosso) inteso come seguace del messaggio iniziale da Adamo in poi che sintetizzato è la professione di fede (non c’è alcun dio all’infuori di Iddio). Se fosse altrimenti saremmo legittimati come musulmani a seguire l’ebraismo o il cristianesimo, ma l’Islam viene per correggere gli storpiamenti apportati nelle sacre scritture residue (Torah e Vangelo). Questo è un punto del credo molto importante che molti musulmani non hanno ben chiaro. E Dio ne sa’ di più.”

Intanto un errore concettuale: chi viene dopo, e l’islam è venuto dopo, può essere un’eresia, non certo chi è venuto prima. Per questo l’islam è un’eresia e Dante piazza Maometto all’Inferno. Anche se noi, visto che sentiva le voci, lo metteremmo piuttosto al manicomio.

Baradei, nella foto con uno dei finti eroi del bus incendiato da un senegalese, in passato ha pubblicato immagini di Erdogan, Mohamed Morsy (entrambi legati alla Fratellanza Musulmana) e di Sheikh Yasin, ex leader di Hamas (inserita nella black list delle organizzazioni terroristiche da Unione Europea, Usa ed Israele).

L’Ucooi, braccio armato dei Fratelli Musulmani in Italia, finanziata dall’Arabia Saudita, è la più diffusa rete islamica in Italia: 153 associazioni sia territoriali che di settore e gestisce circa 80 moschee e 300 luoghi di culto abusivi.




Vox

13 pensieri su “Leader Islam in Italia:“Cristianesimo è eresia, vi correggeremo””

  1. Correggerci a noi l’Islam? Ma per favore!

    Loro devono ringraziare i liberalprogressisti e la Chiesa post-CVII se hanno potuto mettere piede in Europa. Se non ci fossimo secolarizzati troppo e non avessimo ripudiato il Cristianesimo, loro sarebbero rimasti nei loro merdosi deserti a parlare coi cammelli. Sono la barbarie assoluta e credono di poterci “civilizzare”.

    La presenza islamica in Europa é assolutamente contronatura, così come quella dei ne(g)ri subsahariani, e per questo va asportata come una cellula tumorale maligna nell’organismo, e cancellata. L’islamofobia di cui parlano gli antirazzisti é dovuta all’immigrazione, perché se l’Islam rimanesse confinato nelle aree in cui si é sviluppato, e con esso la presenza delle moschee, nessuno maturerebbe sentimenti ostili verso questa lurida dottrina semipagana inventata da un pedofilo scopiazzando elementi dell’Ebraismo e del Cristianesimo.

  2. I monoteismi abramitici convergeranno verso un’unica religione organica mondialista la cui maggioranza dei fedeli sarà di estrazione musulmana sunnita, una esigua parte mediana sarà cristiana bergogliana e una minoranza di “eletti”, in cima alla piramide a governare il gregge di Goyim dal Tempio di Gerusalemme, sarà costituita dai “fratelli maggiori” degli altri credi nati da quell’eterno deserto.

  3. Forse è vero, anzi probabilmente lo è, a prescindere dalla credenza personale in Dio o negli dèi, o la fede nel caso o nella Ragione.
    Ma, se così fosse, e forse è, perché non riscoprire la grande tradizione religiosa italica e romana? Il fatto è che a parte pochi appassionati intellettuali come era un Pomponio Leto nel Rinascimento accusato di paganesimo, finirebbe con risate generali di fronte ai riti più sacri, o con la diserzione di massa come ai tempi in cui durante l’assedio di Alarico cercarono, con il favore del papa persino, di rispolverare la salita al Campidoglio degli aruspici etruschi.
    L’uomo comune deve credere in qualcosa per sopportare il fardello della vita e la consapevolezza della morte. Solo pochi spiriti ricercatori e audaci, carichi di malinconia, possono accettare, ed anche ricercare, un’esistenza che offra solamente il dubbio come unica certezza.

  4. RISPETTO, TOLLERANZA per questi ” OSPITI ” non esiste. Si sentono superiori e già padroni nella casa dei Italiani . Hanno compito di correggere poveri eretici al l’Islam. Magari sgozzandoci. Governo e Bergoglio ci hanno venduti a questa brutta gente.

  5. Sta scritto nella bibbia o con me o contro di me (Dio) e non Allah.!
    Vi cito alcune frasi tratte dal libro di Faisal Malick, “Dieci musulmani meravigliati, toccati da Dio”.
    Il musulmano prega Allah dicendo :” Mostrami la via”.
    Gesù nella bibbia dice :”Io sono la via”.
    L’islam non ha un salvatore,,non presenta certezze, perfino Maometto non sapeva del suo destino. Sura 46:9 “Io non sono (Maometto) il primo messaggero divino che sia apparso, né so che cosa avverrà di me e di voi, seguo solo ciò che mi è rivelato e non sono che chiaro a monitore”.
    Nella bibbia Gesù dice :”Io io sono la via, la vita e la verità.”.
    “La mia testimonianza è vera perché so da dove sono venuto e dove vado (Giovanni 6:47).
    Sura 16:93 ” Allah invece fa errare chi vuole e guida chi vuole. ”
    Nella bibbia Dio vuole la salvezza di tutti gli uomini, purché gli diciamo sì.
    Una cosa non può fare :andare contro il libero arbitrio personale.
    Ultima cosa Gesù è in ordine cronologico venuto prima dell’islam e questo è innegabile.
    Doverose le precisazioni, comunque se l’islam trova terreno fertile nei non musulmani di nascita è perché c’è una voluta confusione fra le religioni definendolo uguali, per poi portare al laicismo così agguerrito, che si trasforma in anticristianesimo.
    Io non disprezzo gli atei, ma ne conosco tanti che si definiscono tali e sono favorevoli all’Islam.
    Sappiate che l’islam non ammette la laicità e tanto meno l’ateismo, perché quello che non si piega si spezza.
    Conviene anche ai vari laici ed atei mantenere il cristianesimo nel l’occidente, in modo tale da poter essere giustamente liberi di non credere.

  6. Comunque è scandaloso che queste frasi pubblicate non giungano alla casa di bergoglio. Il vangelo lui lo usa solo per i migranti, perché “Dio ce ne chiederà conto”, ma non si ricorda che nel libro dell’Apocalisse, che significa rivelazione, Dio tiene conto anche di quanti abbiamo evangelizzato .
    È vero che c’è il libero arbitrio, ma come “gratuitamente abbiamo ricevuto (la parola di dio), gratuitamente dobbiamo dare, cioè diffondere la buona Novella.
    Se uno non vuol credere, non lo possiamo impedire.
    Forse anche il papa sta utilizzando il vangelo come la commissione Segre, ha valenza solo per determinati casi, invece Dio ci insegna che lui è immutabile nel tempo.

  7. ma cosa vuoi correggere scorreggione mangia sabbia di un afrikaner! siete malati, il suprematismo binaco esiste perchè siete voi inferioristi neri, dateve na regolata prima de veni a rompere il caxxo in itaglia!

Lascia un commento