Sbarcano a Lampedusa e stuprano: tunisino sequestra e violenta italiana

Condividi!

Continuiamo a traghettarli e poi sparpagliarli in tutta Italia.

VERIFICA LA NOTIZIA
Sequestrata e violentata da un tunisino poi arrestato a Venezia dai carabinieri: trentenne, di nazionalità tunisina, senza fissa dimora, è accusato di essere l’autore della violenza sessuale e sequestro di persona consumatosi nella notte di ferragosto nei confronti di una donna veneziana 40enne.

Portata in una casa l’ha costretta a subire un rapporto sessuale, impedendole più volte la fuga. La notte è continuata con le botte, per finire con il tunisino che si è impossessato anche dei suoi vestiti. Dopo diverse ore di prigionia la vittima è riuscita a scappare e a rifugiarsi in un bar vicino all’abitazione in cui era stata sequestrata. È stata soccorsa e trasportata in ospedale.

Continuate a trainarli a Lampedusa, scafisti di Stato. State ‘soccorrendo’ gli stupratori delle vostre madri, sorelle e figlie.




Vox

6 pensieri su “Sbarcano a Lampedusa e stuprano: tunisino sequestra e violenta italiana”

Lascia un commento