Covid,CTS: discoteche devono stare chiuse, troppo ammassati

Condividi!

Covid,Miozzo:discoteche restino chiuse
“Le discoteche devono rimanere chiuse
perché con migliaia di ragazzi ammassa-
ti non c’è nulla da fare”. Così Miozzo,
il coordinatore del Cts ribadisce il
parere del Cts,intervistato da Sky,”le
aggregazioni di massa sono devastanti,
impossibili da gestire”.

Un nuovo lockdown nazionale “è decisa-
mente improbabile”ma le chiusure locali
“possono diventare inevitabili se la
situazione sfugge di mano”.”Il virus c’
è ed è presente in tutto il Paese.Siamo
ancora in una situazione governabile,
però è una situazione precaria”aggiunge

Su questo siamo d’accordo con lui. Ma non dire nulla sui barconi è tipico di chi vuole conservare la poltrona.

Pensare che il governo vorrebbe fare anche ripartire le navi da crociera, roba folle.

Fate un ragionamento: a parte il clima, è cambiato qualcosa in estate rispetto a quest’inverno? No. Quindi, perché finendo l’estate il contagio non dovrebbe fare quello che faceva quest’inverno? Ecco che allora pensare che tutto riprenda normalmente senza avere evitato il ritorno del virus con barconi, immigrati stagionali e di ritorno da zone come il Bangladesh, oltre a dementi che dovevano per forza andare in vacanza all’estero e che ci rifiutiamo di mettere in quarantena, è da deficienti.




Vox

Un pensiero su “Covid,CTS: discoteche devono stare chiuse, troppo ammassati”

  1. Qualcosa cambia, e cioè il comportamento. Fermo restando che la nera signora se decide di prenderti c’è poco da fare se non pregare, si usano le mascherine, ci si tiene più alla larga soprattutto da chi non si conosce e si limita la vicinanza allo stretto necessario. Nel lavoro si va di lavoro agile, chi può, e si tende a stabilire giorni per cui se si condivide un ufficio in due o tre, ci si spartiscono i giorni.
    Ovviamente tutto ciò non basterà a evitare una recrudescenza rispetto ai numeri attuali, ma se stiamo attenti possiamo scamparla fino a primavera quando ci sarà un vaccino più o meno valido o un protocollo terapeutico davvero efficace, cosa che ora non c’è, il remdesivir non nasce per covid e non lo sconfigge se uno è veramente messo male, probabilmente aiuta chi già ne uscirebbe da solo o grazie all’ossigeno, con maggiore velocità e con minori danni a lungo termine.

Lascia un commento