Vicenza, Poliziotti: “Vietato arrestare immigrati che delinquono?”

Condividi!

Arresto a Vicenza, Fsp Polizia scrive a Vox: “Ma quale razzismo, c’è l’arresto per chi delinque. Polemiche aberranti, si rispettino le regole e chi porta la divisa”

“Le polemiche sorte a proposito dell’arresto del 21enne che ha opposto resistenza ai colleghi di Vicenza è addirittura aberrante. Gridare al razzismo, fare nientemeno che accostamenti con il caso Floyd e contestare come al solito a priori l’operato delle Forze dell’ordine sulla scorta dei soliti fotogrammi sparsi a piene mani in rete è vergognoso e non più tollerabile. E’ indispensabile ritrovare il senso di ciò che dovrebbe essere ovvio: chi delinque viene arrestato, opporre resistenza a un poliziotto che fa il proprio lavoro significa delinquere, insultare, aggredire, picchiare, sputare, e qualsiasi altra modalità con cui ci si oppone al lavoro di un poliziotto non è ammesso, dalla legge, dalla civiltà, e da ogni regola di buon senso. Non c’è alcun valido motivo per farlo e non si può fare. Invece che leggere come al solito le cose al contrario, si pensi prima di tutto a ritrovare il giusto rispetto per le regole, per il lavoro altrui, e per chi porta la divisa in virtù di ciò che rappresenta”.

Così Valter Mazzetti, Segretario Generale dell’Fsp Polizia di Stato, a proposito delle polemiche sorte dopo la diffusione sui social di alcune immagini dell’arresto di un 21enne cubano che, a Vicenza, ha opposto resistenza agli agenti intervenuti per una rissa rifiutandosi di farsi identificare.

“Un arresto convalidato dall’autorità giudiziaria – conclude Mazzetti – è la prova provata della bontà dell’operato dei poliziotti di Vicenza, su cui peraltro non avevamo alcun dubbio. Come non è giusto averne per la solita odiosa caccia alle streghe nei confronti delle migliaia di donne e uomini che indossano la divisa e vanno in strada per fare cose buone, non cattive. E lo fanno con professionalità e umanità impareggiabili, motivo per cui la Polizia italiana da lezioni a mezzo mondo. Questo deve essere ben chiaro, perché è proprio questo che non consente di ammettere in alcun caso gli atteggiamenti di chi, di fronte a un agente che fa il proprio lavoro, reagisce, si oppone, dileggia, contesta, aggredisce”.




Vox

4 pensieri su “Vicenza, Poliziotti: “Vietato arrestare immigrati che delinquono?””

  1. Tra un po’ si inventeranno la scusa che non vogliono suscitare inutili tensioni razziali, come è successo in UK con le grooming gang pakistane.

    Da un lato penso il piano Kalergi sia vero e in corso d’opera (taluni progressisti di sinistra lo ammettono anche candidamente). Dall’altro, con l’idiozia e l’ignoranza imperanti tra le fila dei politici odierni, non faccio nemmeno fatica a immaginare che nella loro stupidità siano veramente atterriti da una possibile guerra razziale e cerchino di evitarla. Ovviamente, essendo stupidi, riescono a ottenere l’effetto opposto.

    Quale delle due?

  2. Il piano kalergi è una triste realtà, ma il crimine lo pianificano dal dopoguerra. Quando ero giovanissima a scuola c’erano dei libri obbligatori quali Orzowei, La capanna dello zio Tom, poi un altro di cui non ricordo il titolo ma dello stesso tenore. Vogliamo parlare delle lezioni di musica con bella ciao? I comunisti preparavano il terreno fertile per quello che sarebbe stato l’inferno di oggi. Era cosi blando che non ci si dava peso, col senno di poi è tutto più chiaro.

Lascia un commento