Sbarcano decine di clandestini e fuggono: niente tampone, allarme contagio

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Sbarco di CLANDESTINI di prima mattina nel Salento. Un’imbarcazione con a bordo un numero ignoto di invasori ha toccato la costa di Santa Caterina, marina di Nardò. Le autorità parlano di almeno 60 clandestini.

Molti di loro sono riusciti a far perdere le tracce mentre gli altri sono stati fermati dalle forze dell’ordine. Quindi è impossibile dire quanti fossero a bordo.

I sanitari hanno fatto una prima sommaria valutazione delle loro condizioni di salute, mentre il tampone per l’individuazione del Covid-19 sarà effettuato una volta che saranno accompagnati al centro di accoglienza. Almeno così dicono.

Di certo, il tampone non verrà fatto a quelli che sono fuggiti. E magari sono già su qualche treno.

Il giornale locale:

Resta l’incognita sui fuggitivi, sui quali non potrà essere effettuato il tampone. Un tema, questo, di grande attualità in un momento – qual è quello che stiamo vivendo – nel quale il virus rialza la testa. Non a caso il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha emanato un’ordinanza che impone la quarantena per chi rientra in Puglia da Grecia, Malta e Spagna, ma questo riguarda i cittadini regolari. Altra storia quella dei migranti che non rappresentano un particolare rischio di contagio se allo sbarco vengono posti in isolamento, ma se si allontanano senza possibilità di controllo evidentemente possono essere un rischio potenziale.




Vox

Lascia un commento