Covid, Toscana: in disco distanti 2 metri

Condividi!

Covid, Toscana: in disco distanti 2 mt
Addio al ‘ballo della mattonella’. In
Toscana, dovranno essere garantiti due
metri tra gli utenti che accedono a una
pista da ballo. E poi anche: conteggio
degli ingressi obbligatorio, registra-
re ogni accesso e mantenere un registro
delle presenze per almeno 14 giorni.

Queste alcune delle misure previste in
una ordinanza del presidente della re-
gione, Rossi. Anche il suo omologo pu-
gliese, Emiliano, annuncia una stretta
sulle discoteche, dopo l’ordinanza che
impone la quarantena a chi rientra da
Grecia, Malta, Spagna e Croazia.

Geniali. Tanto vale chiuderle le discoteche, visto che due metri è impossibile da garantire. Del resto non viene rispettata la regola di un metro in alcun ristorante italiano.

L’unica cosa giusta è la quarantena per chi arriva da vacanze estere. Ma tutto cade quando poi spalanchi i porti ai barconi.

Pareri discordanti tra governo e regio-
ni sulla ‘stretta’ per contrastare il
fenomeno degli assembramenti nei lo-
cali all’aperto dove non vengono ri-
spettate le misure anti-Covid. Nulla di
fatto dunque all’incontro straordinario
in Conferenza delle Regioni. Nuovo in-
contro domani.

Il governo chiederebbe la chiusura o
provvedimenti per gli stabilimenti, che
diventano discoteche, dov’è difficile
mantenere il distanziamento sociale.
Almeno metà dei governatori sarebbe
contrario a ulteriori provvedimenti.




Vox

3 pensieri su “Covid, Toscana: in disco distanti 2 metri”

  1. Ai kompagni toscanacci gli sta bene che sono quasi tutti rossi però sarebbe l’ora di finirla con queste cagate!E ci sono idioti che se la bevono!Regole ferree se sei italiano ma se sei bovero negro o hallahallamussulhano allora fai il cazzo che vuoi.Basta, avete rotto il cazzo nipotini dei banditi, andate a nascondervi nella giungla come i vostri nonni nei boschi ma portandovi i negretti cosi non dovrete farvi il carretto a vicenda!

  2. Un provvedimento che sa di str***ata. Nelle discoteche è impossibile far rispettare il distanziamento sociale. Vanno chiuse e basta, e non solo perché esiste il Covid: luoghi di perdizione e di sbandamento che servono solo a meglio rovinare la gioventù.

Lascia un commento