Clandestini in fuga da quarantena lungo i binari: così diffondono il contagio

Condividi!

ISERNIA. Si sono calati dal balcone, col favore delle tenebre e hanno tentato la fuga dal centro d’accoglienza ‘Il Geco’ di Isernia.

Dove erano in quarantena a spese dei contribuenti: è il nuovo business inventato dal Pd.

VERIFICA LA NOTIZIA

Agguantati in un primo momento dalla polizia, i nordafricani sono riusciti letteralmente a sgusciare dalle mani degli agenti preposti al controllo, facendo scattare controlli a tutto campo volti a rintracciare i fuggiaschi. Impegnate tutte le forze di polizia presenti sul territorio – questura, Comando provinciale dei carabinieri e della Guardia di finanza – che hanno proceduto, come è possibile leggere nella nota della polizia di Isernia, “a mirati rastrellamenti per tutta la notte”.

Nel corso della mattinata, personale delle Volanti e della squadra Mobile di via Palatucci ha individuato tre dei sei clandestini in fuga sui binari dopo la stazione ferroviaria di Carpinone. Vistisi scoperti, i tre africani, approfittando della folta boscaglia, hanno tentato ancora una volta di far perdere le loro tracce, ma sono stati finalmente bloccati e ricondotti in isolamento nel centro d’accoglienza.

Gli altri tre? Già in giro a diffondere il virus per conto di Conte.




Vox

Un pensiero su “Clandestini in fuga da quarantena lungo i binari: così diffondono il contagio”

Lascia un commento