Va alla posta e mostra genitali: “Questi sono i miei documenti”

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Si è presentato ieri mattina allo sportello dell’ufficio postale di piazza Dante e, alla richiesta di un documento, l’uomo, un egiziano di 20 anni, si è tolto la mascherina rispondendo ad alta voce “ORA TI FACCIO VEDERE IO IL DOCUMENTO”. Poi, con un gesto fulmineo, si è slacciato la cinta tirandosi giù i pantaloni, i boxer e mostrando i genitali.

A quel punto l’impiegata, spaventata, ha chiesto aiuto alla Polizia raccontando quanto stava accadendo.

Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Esquilino, diretto da Stefania D’Andrea, immediatamente intervenuti, hanno subito individuato il soggetto che ha tentato di scappare ma è stato bloccato.

Sul posto i poliziotti hanno rassicurato anche le altre impiegate che, scosse da quanto stava accadendo, si erano rifugiate in un angolo dell’ufficio postale.

Identificato per A.A.R.A., è stato accompagnato negli uffici di polizia e arrestato per tentata violenza sessuale.




Vox

10 pensieri su “Va alla posta e mostra genitali: “Questi sono i miei documenti””

  1. Sì, vabbé, lo tratterrano dieci minuti, gli daranno un buffetto sulla mano e gli faranno promettere di non farlo mai più. Altro giro, altro regalo. Viva i nuovi italiani, viva i nuovi europei.

  2. Non c’è violenza sessuale. Al massimo atti osceni in luogo pubblico.
    Tenere le impiegate cacca sotto che si sono nascoste. Se c’ero io gli avrei ridendo che farebbe bene a tenerlo nascosto. Tanto i maschietti hanno sempre delle fisime a prescindere 🤣Oggi ho litigato con due sudamericani. Ero seduta a godermi il fresco ai giardini e arriva l’amico di quello seduto sulla panchina a fianco con la musica alta. Ho guardato quello che mi stava più antipatico e gli ho detto, calma ma arrogante, “la tua musica mi rompe il c.” loro sono rimasti interdetti poi quello antipatico mi ha risposto “vaffanculo” miii non lo doveva fare!! Gliene ho dette più che lo straccio del lavello. Nessuna reazione fisica ☹️

  3. Gli hanno detto che ce l’aveva piccolo, siccome capisce male l’italiano è andato dalle ragazze in posta e glielo ha fatto vedere. Le ragazze gli hanno chiesto i documenti ed essendo una testa di CAZZO gli ha confermato nome e cognome.
    Punto e a capo.

  4. “A quel punto l’impiegata, spaventata” … “le altre impiegate si erano rifugiate in un angolo dell’ufficio postale” … TUTTE PUTTANE CHE VOLEVANO CHE LA PREZIOSA RISORSA GLI INFILASSE LA CARTA DI IDENTITA’ NEL LETTORE IN MEZZO ALLE GAMBE!

Lascia un commento