Migranti nudi davanti ai bimbi: così ricambiano chi li mantiene

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Caltanissetta, un africano completamente nudo in pieno centro storico. Praticamente nudo a cielo aperto, ha usato il giardino come un bagno per soddisfare le proprie esigenze fisiologiche e lavarsi. Ad immortalarlo uno scatto che ha fatto il giro del web con centinaia di condivisioni accompagnate da altrettante polemiche. “Accogliere clandestini di tutte le etnie facendoci anche carico di tutte le spese di mantenimento porterà nei nostri territori caos diffuso e violenza di ogni genere”. Questo il commento di un cittadino su Facebook che continua: “ Non abbiamo affatto bisogno di importare nuove forme di delinquenza e patologie. Ormeggiate a Porto Empedocle fanno bella mostra di se immense navi da crociera adibite a zone quarantena mentre il flusso di turisti stranieri paganti che aiuterebbe moltissimo la nostra Regione in piena stagione turistica è praticamente assente”.

Il deputato della Lega Alessandro Pagano: “Si va ben oltre all’offesa del pubblico pudore e si sfocia nel totale disprezzo del comune vivere civile. È grave che nessun esponente del governo, abbia espresso una ferma condanna di quanto avvenuto. Evidentemente- ha detto il deputato del carroccio- per i rappresentanti del governo abusivo è normale che chi viene nel nostro Paese possa farlo senza regole. Non si può non reagire a cotanta arroganza di questo governo Giallorosso”.

Da Caltanissetta al Villaggio Mosè di Agrigento. Qui ieri sera i cittadini hanno assistito ad un altro episodio spiacevole. Alcuni extracomunitari che vivono in un appartamento privato si sono affacciati nudi in balcone non curanti della presenza di bambini e donne. “Come se nulla fosse e ignorando la nostra presenza- ci hanno raccontato alcuni residenti della zona- si sono messi a prendere aria fresca completamente nudi”. Lo “spettacolo” non accennava ad avere fine nel breve termine, gli stranieri non rispondevano all’invito dei cittadini di indossare degli indumenti e sono dovute intervenire le forze dell’ordine per riportare la situazione alla normalità. Ovviamente un episodio anche questo che ha sollevato indignazione: “Lo Stato non c’è ”, il commento più frequente fra gli agrigentini su Facebook.




Vox

8 pensieri su “Migranti nudi davanti ai bimbi: così ricambiano chi li mantiene”

  1. si ringrazi a cagarella potrebbe sciogliere le camere di sti castrati e froci di merda e non lo fa, colui che per legge ha onore dignita’ e prerogative, si ma secondo me di sto cazzo!… vai casalino tuffati a pesce, suca altrimenti la riZorZa emigra in francia e se lo suca marickion!

  2. Direbbero la Boldracca e la BruttaNova : dobbiamo imparare dalle risorse africane il loro stile di vita. Invece di applaudire alla prossima visita di un politico di alto rango andiamo nudi ad aspettarlo e al suo arrivo gli pisciamo in faccia.

  3. È un discorso così complesso che è difficile affrontarlo in due righe… allora ai bambini del nudo non gli frega, perché siamo noi grandi ad inculcare nelle loro testoline che nel corpo c’è qualcosa di “vergognoso” che va tenuto nascosto. Non amo, d’altro canto, i campi nudisti perché mi pare un’esibizione di libertà fittizia, una forzatura per contrastare le regole che abbiamo nella nostra civiltà… ma se cerchiamo questa parola sul vocabolario leggiamo: progresso, civilizzazione, evoluzione, sviluppo.
    Ora, chiedere a questi subumani che sino a ieri camminavano nella savana con un triangolo della pelle dell’antilope uccisa con l’arco, di essere “urbani” (!) ecco mi pare che il signor leghista non abbia capito un’emerita seg@ di come gira il mondo. Semplicemente dovevano lasciarli nel loro tucul, erano più felici loro e noi.

  4. Quelli ad Agrigento non é che non si sono accorti della presenza di donne e bambini, hanno fatto finta di non accorgersene e si sono messi nudi come vermi sui balconi. Lo fanno apposta per provocare, sono degli emeriti selvaggi schifosi.

  5. Lady boldrini, se è in ferie che vada a vedere “i suoi modelli”, come si atteggia o, visto che lei è diventata una famosa stilista, ha firmato “uno stile di vita”, di cui non conosce le letali conseguenze.
    Come si dice da noi, “anche per lei viene sera”, cioè che anche lei pagherà le conseguenze. Del suo stile.

  6. Comunque loro lo fanno apposta, sì bisogna lasciarli là ed aiutarli a casa loro. Se non li fermiamo prima Qui lo scontro tra civiltà ed inciviltà, sarà inevitabile. Voglio vedere poi gli stilisti, come boldrini e soci, Vaticano incluso, cosa diranno.
    Quando il popolo è stremato ed alla fame difficilmente lo fermi, è come un fiume in piena. Un detto preso da un film, enuncia che : “non c’è più cattivo di un buono che diventa cattivo”.

  7. i siciliani NON HANNO I COGLIONI. E mai li hanno avuti, tranne i mafiosi, ai quali VA IL MIO RISPETTO. I ‘mafiosi’ come vengono chiamati, dai maledetti barbuti senzapalle, sono i soli che HANNO LE PALLE per opporsi a questo schifo. Ma vengono messi in galera dai pm donna (MALEDETTE!) e dai subalterni FROCI. La sicilia VERRA’ DISTRUTTA! E a salire, tutte le regioni del sud!

Lascia un commento