Lamorgese riapre gli hotel ai clandestini, e loro sbarcano a raffica

Condividi!

“Mentre gli sbarchi continuano senza sosta ed emergono altri 64 immigrati positivi nell’hotspot di Pozzallo, il ministro Lamorgese annuncia le modifiche ai Decreti sicurezza. Tra le tante sciagure, torna l’equiparazione tra i clandestini e i veri rifugiati: riceveranno lo stesso tipo di assistenza. Risultato: più sprechi, servizi meno efficaci per chi ha la protezione internazionale, grasso che cola per le coop e i professionisti dell’accoglienza. Un pessimo segnale che incentiverà le partenze, una vergogna a cui ci opporremo con tutte le forze”. Lo dichiara il leader della Lega Matteo Salvini.

Lamorgese riapre gli hotel ai clandestini: “Torna tutto come prima di Salvini”

Mentre il popolo schiuma rabbia per 3mila euro, 100mila clandestini vivono in hotel per una spesa di oltre 1 miliardo di euro. E ora riprende la mangiatoia nelle intenzioni della scellerata ministro dell’Interno, la cazzara Lamorgese, che con la sua minoranza di accoglioni, poltronari e criminali politici vuole riaprire le porte degli hotel a chiunque ‘chieda asilo’.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il lavoro sul decreto immigrazione “è chiuso. Sto aspettando il parere dell’Anci perché cambia un po’ il sistema di accoglienza. I Centri di accoglienza dovranno essere gestiti dai Comuni. Spero di poter mandare il testo a Palazzo Chigi prima di ferragosto, poi se ne parlerà a settembre. La cosa importante è aver trovato un testo condiviso con la maggioranza”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, intervistata al Caffeina Festival a Santa Severa da Marco Tarquinio, direttore di Avvenire. Nel nuovo decreto immigrazione abbiamo recepito “tutte le osservazioni che erano state formulate dalla Presidenza della Repubblica. E siamo andati oltre: abbiamo modificato il sistema accoglienza anche per coloro che sono richiedenti asilo, affinché entrino nel circuito di accoglienza identico a quello che oggi è riservato a coloro che sono titolari di protezione umanitaria, ritornando un po’ come era prima”.

Questo significa che basterà sbarcare e chiedere asilo per finire in hotel anni. E’ il sistema Lucano esteso a livello nazionale.

Tutto ciò che Salvini aveva smantellato, loro vogliono riproporre per tornare a foraggiare le coop del PD, quelle del Vaticano e la ‘ndrangheta. Organizzazioni criminali che spesso collaborano, come emerso da più di una inchiesta.

Ma “opporsi con tutte le nostre forze”, è stato dimostrato essere inutile, Salvini. Devi tirare fuori le palle e dobbiamo andarli a prendere.




Vox

10 pensieri su “Lamorgese riapre gli hotel ai clandestini, e loro sbarcano a raffica”

          1. E adesso? Io sono in seria difficoltà a causa degli impresentabili che spesso appaiono in FdI e ovviamente non ho nessuna intenzione di avvantaggiare le zecche. Suggerimenti?

          2. Buio totale. Forse mi turerò il naso e voterò la burina femminista come ho votato Salvini all’epoca, ma solo per non favorire direttamente le sinistra.

          3. Ti capisco, non so se mi associerò al tipo di voto perchè dalle mie parti stanno riarruolando tutti quelli che erano missini che poi sono diventati alleati nazionali e poi berlusconiani, tutti ex pluri-inquisiti per varie magagne di furti e furtarelli. Non esattamente “il nuovo che avanza”.

          4. Eh, che dire. Hai ragione. Siamo messi molto, molto male. Non mi sento rappresentato da nessuno. Anche Italexit ha delle ombre (e poi non mi fido di un ex 5 Stelle). Però è anche vero che astenersi equivale a dare un voto al Porco Ddue. Mala tempora currunt sed peiora parantur.

          5. L’importante è stare su con la vita, non arrendersi mai e viziarsi con famiglia, cibo sano e figa se possibile.
            “In hoc signo vinces” (con una macchia di Rorschach a caso in rappresentanza di una fregna emisimmetrica, courtesy of @Lorenzoblu a seguire) 😉

Lascia un commento