Ventinove anni fa iniziava la Grande Invasione

Condividi!

VENTINOVE anni fa, il 7 marzo del 1991, iniziava l’invasione albanese. Il primo sbarco fu a Brindisi. Poi un crescendo, fino al maxi sbarco di Bari, con l’arrivo del ‘Vlora’ (foto) l’8 agosto, oggi, 28 anni fa.

Sbarcarono in oltre 20.000 nel porto di Bari la mattina dell’8 agosto del 1991, dopo avere forzato il blocco di motovedette e pattugliatori, sotto gli occhi sbigottiti dei baresi e nella totale resa del governo di allora.

Da quel giorno, un’escalation di crimini, pareggiati in barbarie solo dagli avanzi delle galere romene del decennio successivo e dei nigeriani traghettati dal Pd negli anni scorsi. Crimini che proseguono ancora oggi. Seminando lutti e tragedie.

Non perché gli albanesi siano un popolo di criminali, ma perché l’immigrazione di massa, quella dei grandi numeri, non seleziona. Anzi, spesso selezione in modo inverso: sono quasi sempre i peggiori ad imbarcarsi.

E oggi non devono nemmeno imbarcarsi clandestinamente, gli albanesi, ‘grazie’ agli accordi stipulati dal governo italiano, possono entrare in Italia senza visto. Inutili le proteste della polizia, davanti all’aumento dei reati.

Ma, al di là degli albanesi, quelle navi cariche furono l’inizio della Grande Invasione che prosegue ancora oggi. E noi la subiamo. Eppure lo Stato è così marcio che basterebbe un colpetto per farlo cadere e ricostruire tutto su basi identitarie.




Vox

3 pensieri su “Ventinove anni fa iniziava la Grande Invasione”

  1. Il primo colpevole é quel bastardo del mortadella, di quella città di merda di comunisti che é bologna che andrebbe rasa al suolo mattone x mattone giusto x vendetta e con lei tutte le città rosse.

  2. Ma almeno all’epoca li rinchiusero allo stadio di Bari. Ai vari nigeriani, senegalesi, gambiani e feccia varia che sbarca oggi e fugge da guerre inesistenti, gli danno tutte le comodità di questo mondo.

Lascia un commento