Noto stupratore africano violenta 4 donne in 1 ora a Bari

Condividi!

Vengono a fare quello che gli italiani non vogliono fare. Tipo violentare le donne.

Per violenza sessuale nei confronti di quattro donne la Polizia locale di Bari ha infatti arrestato un pregiudicato 25enne. L’uomo, un senegalese con regolare permesso di soggiorno, ha numerosi precedenti penali a carico, anche per violenza sessuale. E’ stato arrestato in flagranza mentre palpeggiava per strada due donne le cui urla hanno attirato l’attenzione degli agenti, i quali erano già sulle sue tracce per un altro episodio accaduto poco prima.

VERIFICA LA NOTIZIA

I fatti risalgono a ieri sera, intorno alle 20.30. Una pattuglia è stata avvicinata in via Capruzzi da una donna che urlava per aver subito violenza con palpeggiamenti al seno e alle parti intime da parte di un giovane di colore. L’uomo è stato individuato dopo pochi minuti in largo Ciaia da un’altra pattuglia mentre usava la stessa violenza nei confronti di altre due donne che urlavano chiedendo aiuto. Fermato dagli agenti, il 25enne ha tentato di fuggire ma è stato inseguito e bloccato e ora si trova in carcere. Le donne vittime hanno sporto denuncia e identificato l’autore.

Un noto stupratore che rimane in Italia con ‘regolare permesso di soggiorno’. Sono i milioni di clandestini regolarizzati con le famigerate sanatorie. Fatte anche dai fottuti governi di centrodestra.

I regolari sono solo ex clandestini. L’obiettivo, oltre l’espulsione dei clandestini, deve essere il rimpatrio dei 2,5 milioni di immigrati che sono regolari ma che in Italia non lavorano e vivono a scrocco.

Anche perché, poi, stuprano. Ci sei, Salvini?




Vox

Un pensiero su “Noto stupratore africano violenta 4 donne in 1 ora a Bari”

  1. Poi la gente si chiede come mai, un bel giorno, in Germania è salito al potere baffino. La situazione non era dissimile da quella odierna. L’unica vera differenza è che attualmente mancano veri ideologi conservatori che ardano dal desiderio di mettere al loro posto i marxisti progressisti. Ci dobbiamo accontetare di macchiette che blaterano, blaterano, ma alla fine mangiano dallo stesso trogolo della sinistra.

Lascia un commento