Calderoli ridicolizza le quote rosa: “Uomo più infedele della donna, si accoppia e prende più voti”

Condividi!

In Senato si stavano svolgendo le dichiarazioni di voti sul decreto legge riguardante la cosiddetta “parità di genere nelle consultazioni elettorali regionali”, in realtà un modo per imporre le amichette dei politici nelle liste nonostante le quote rosa, come qualunque quota, siano palesemente incostituzionali oltre che anti-democratiche, e Calderoli ha espresso la propria contrarietà con una battuta: “La doppia preferenza di genere danneggia il sesso femminile perché normalmente il maschio è più infedele. Il risultato è che l’uomo si porta il voto di quattro o cinque signore. E le donne non vengono elette”.

Ovviamente non l’hanno capita e gli invasati dell’indignazione si sono indignati. Inutile dire che l’ennesimo decretino è stato approvato.

Meno battute e più azione. Conte delenda est.




Vox

Lascia un commento